Opinioni, 29 gennaio 2021

Covid-19: Non solo aiuti da parte dello Stato, pure noi dobbiamo fare la nostra parte!

La situazione economica di chi vive e lavora in Ticino sta subendo le conseguenze pesanti delle chiusure settoriali imposte dalle autorità federali e cantonali a causa della pandemia covid-19. Il Gran Consiglio questa settimana ha dato il via libera a una nuova serie di aiuti concreti che sbloccano i crediti promossi dal Cantone per chi è con l'acqua alla gola.

La Confederazione ha a sua volta annunciato nuovi aiuti ma non possiamo nasconderci dietro ai proclami: prima che questi soldi arrivino nelle tasche di chi ne ha bisogno passerà un tempo che sembrerà lunghissimo. Tirare fine mese o cercare di non far fallire esercizi pubblici, negozi o agenzie di viaggio è un'impresa alla quale lo Stato bernese ha risposto in ritardo. Ma non possiamo stare a guardare e ognuno di noi può contribuire a far stare in piedi la nostra economia. Se da un lato i negozi di alimentari beneficiano dell'impossibilità di andare all'estero a fare acquisti, dall'altro sembra mancare la stessa energia dei ticinesi a aiutare chi è in difficoltà.

Gli imprenditori, i ristoratori, i negozianti sono chiamati ad essere creativi e
molti di loro hanno saputo aprire un nuovo canale con i propri clienti, online o con il take away o con l'ordinazione e il ritiro della merce. Altri no, ed è davvero un peccato. Il nostro compito responsabile è quello di premiare chi cerca con ogni mezzo di stare a galla e per farlo bisogna usufruire di queste possibilità: una cenetta consegnata a casa il sabato sera, l'acquisto di qualcosa nella boutique sotto casa o di mascherine chirurgiche fatte in Ticino, la riservazione di un week-end rilassante in Svizzera tramite agenzia. Sono piccoli gesti che però costituiscono un aiuto concreto e immediato per chi ne ha bisogno. Aiutiamoci e aiutiamo tutti insieme perché solo uniti usciremo da questo incubo pronti a ripartire più forti di prima.


Massimiliano Robbiani
Deputato in Gran Consiglio
Lega dei Ticinesi

 

Guarda anche 

La nuova “miss Coronavirus” dell'UFSP giudicata troppo vicina all'industria farmaceutica

La nomina della nuova responsabile della Divisione malattie trasmissibili dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) suscita critiche ancora prima dell...
16.12.2022
Svizzera

"Giovani che lasciano l'apprendistato, cosa fare?"

Sempre più giovani in Ticino lasciano l'apprendistato iniziato. Secondo Fill-Up, una ditta Svizzera che offre un servizio di sostegno e accompagnamento alle az...
07.12.2022
Ticino

Pause prolungate per la mobilitazione dei docenti, "è stata informazione non propaganda"

Giovedì il Consiglio di Stato ha risposto a un'interrogazione del deputato leghista Massimiliano Robbiani che criticava una lettera del plenum dei docenti dell...
26.11.2022
Svizzera

"Perchè un asilante con problemi psichiatrici si trovava in giro da solo?"

L'atto di vandalismo avvenuto ieri in una chiesa di Lugano è all'origine di un'interrogazione della Lega di Lugano. L'uomo, stando alla ricostruzio...
28.10.2022
Ticino