Opinioni, 29 gennaio 2021

Covid-19: Non solo aiuti da parte dello Stato, pure noi dobbiamo fare la nostra parte!

La situazione economica di chi vive e lavora in Ticino sta subendo le conseguenze pesanti delle chiusure settoriali imposte dalle autorità federali e cantonali a causa della pandemia covid-19. Il Gran Consiglio questa settimana ha dato il via libera a una nuova serie di aiuti concreti che sbloccano i crediti promossi dal Cantone per chi è con l'acqua alla gola.

La Confederazione ha a sua volta annunciato nuovi aiuti ma non possiamo nasconderci dietro ai proclami: prima che questi soldi arrivino nelle tasche di chi ne ha bisogno passerà un tempo che sembrerà lunghissimo. Tirare fine mese o cercare di non far fallire esercizi pubblici, negozi o agenzie di viaggio è un'impresa alla quale lo Stato bernese ha risposto in ritardo. Ma non possiamo stare a guardare e ognuno di noi può contribuire a far stare in piedi la nostra economia. Se da un lato i negozi di alimentari beneficiano dell'impossibilità di andare all'estero a fare acquisti, dall'altro sembra mancare la stessa energia dei ticinesi a aiutare chi è in difficoltà.

Gli imprenditori, i ristoratori, i negozianti sono chiamati ad essere creativi e molti di loro hanno saputo aprire un nuovo canale con i propri clienti, online o con il take away o con l'ordinazione e il ritiro della merce. Altri no, ed è davvero un peccato. Il nostro compito responsabile è quello di premiare chi cerca con ogni mezzo di stare a galla e per farlo bisogna usufruire di queste possibilità: una cenetta consegnata a casa il sabato sera, l'acquisto di qualcosa nella boutique sotto casa o di mascherine chirurgiche fatte in Ticino, la riservazione di un week-end rilassante in Svizzera tramite agenzia. Sono piccoli gesti che però costituiscono un aiuto concreto e immediato per chi ne ha bisogno. Aiutiamoci e aiutiamo tutti insieme perché solo uniti usciremo da questo incubo pronti a ripartire più forti di prima.


Massimiliano Robbiani
Deputato in Gran Consiglio
Lega dei Ticinesi

 

Guarda anche 

Leader dei no-vax: muore a 57 anni!

HOLON (Israele) – “Non arrendetevi, lo Stato usa metodi coercitivi criminali con noi. Vogliono spazzarmi via”. Sono state praticamente le ultime parole ...
16.09.2021
Magazine

Svizzera, ci mancava anche Xhaka…

BASILEA – Dici Svizzera-Italia e ripensi alle sfide del passato, alla rete di Hottiger, a quelle di Ohrel e di Chapuisat, alla sfida dei recenti Europei (deludentis...
02.09.2021
Sport

Era il leader dei “no mask”: morto in Texas

È morto per covid, Caleb Wallace, il leader “no mask” texan diventato famoso per aver organizzato un “Rally della libertà”, invitand...
30.08.2021
Magazine

«I vaccinati sono super diffusori»

È bufera sui social per il post di Heather Parisi che è tornata a dire la sua sul coronavirus e i vaccini. Citando uno studio inglese afferma che i vaccinat...
29.08.2021
Magazine