Mondo, 24 gennaio 2021

Jihadista nato e cresciuto in Svizzera catturato in Siria

Un cittadino italiano, nato e cresciuto in Svizzera, è stato recentemente catturato in Siria dove aveva trascorso gli ultimi anni a combattere fra le fila del Fronte Al-Nusra, il braccio siriano di Al-Qaeda. Nel frattempo è stato estradato nel suo paese d'origine su richiesta delle autorità italiane.

La vicenda del jihadista è riportata in un articolo della Tages Anzeiger. L'uomo, che si chiama Stefano C., ha 24 anni, ed è cresciuto nel canton San Gallo dove, con il suo permesso C, aspira a diventare un pugile professionista prima di decidersi finalmente per un apprendistato come elettricista.

A malapena maggiorenne, si sposa con una cittadina turca naturalizzata tedesca, unione da cui nascerà subito un figlio. Per il Tages Anzeiger, vi è il forte sospetto che la moglie abbia avuto un ruolo decisivo nella radicalizzazione del giovane italiano. I tre, marito, moglie e il figlio
appena nato, si trasferiscono in Siria nel 2014. Nel paese mediorientale la coppia avrà altri 3 figli, mentre Stefano combatte contro l'esercito siriano nel nome della "Guerra santa".

Ma la situazione cambia con il ritiro e la disintegrazione dei gruppi jihadisti in Siria. Stefano comincia a preoccuparsi per la sua sorte e quella della sua famiglia e si mette quindi in contatto con i servizi segreti italiani, che lo convincono ad arrendersi. Il giovane si reca quindi al confine tra la Turchia e la Siria, dove si arrenderà e da dove sarà poi estradato verso l'Italia.

Da notare che in Svizzera l'uomo si faceva chiamare Franz Huber per diffondere la sua propaganda e, secondo il Tages-Anzeiger, era "molto probabilmente" in combutta con tale Alperen A., un jihadista turco naturalizzato svizzero residente nel canton Turgovia e che attualmente langue in una prigione turca.

Guarda anche 

Spaccio di droga: espulsi un 54enne, i suoi due figli e suo genero

Il giudice l’ha definita “una piccola azienda famigliare” dedita allo spaccio di droga. Un 54enne italiano, i suoi due figli e il suo genero sono stati ...
19.06.2021
Svizzera

Scappa dalla polizia con centinaia di kg di rame

Mercoledì 17 giugno, poco prima delle 3, una pattuglia della polizia cantonale di San Gallo stava effettuando un controllo del traffico a Tübach. A un cert...
18.06.2021
Svizzera

A lezione di calcio: Svizzera, così si torna a casa

ROMA (Italia) – Un bel colpo d’occhio da parte dei numerosi tifosi svizzeri sugli spalti. L’urlo di Xhaka per caricare i suoi al termine del nostro inno...
17.06.2021
Sport

Centinaia di pesci morti sul lato italiano del Ceresio: "È avvelenamento"

Centinaia di pesci morti sono stati rinvenuti lo scorso fine settimana a Porto Ceresio, sulla riva italiana del Lago di Lugano.  Vaironi, trote salmerine, agoni e sc...
12.06.2021
Mondo