Mondo, 24 gennaio 2021

Jihadista nato e cresciuto in Svizzera catturato in Siria

Un cittadino italiano, nato e cresciuto in Svizzera, è stato recentemente catturato in Siria dove aveva trascorso gli ultimi anni a combattere fra le fila del Fronte Al-Nusra, il braccio siriano di Al-Qaeda. Nel frattempo è stato estradato nel suo paese d'origine su richiesta delle autorità italiane.

La vicenda del jihadista è riportata in un articolo della Tages Anzeiger. L'uomo, che si chiama Stefano C., ha 24 anni, ed è cresciuto nel canton San Gallo dove, con il suo permesso C, aspira a diventare un pugile professionista prima di decidersi finalmente per un apprendistato come elettricista.

A malapena maggiorenne, si sposa con una cittadina turca naturalizzata tedesca, unione da cui nascerà subito un figlio. Per il Tages Anzeiger, vi è il forte sospetto che la moglie abbia avuto un ruolo decisivo nella radicalizzazione del giovane italiano. I tre, marito, moglie e il figlio appena nato, si trasferiscono in Siria nel 2014. Nel paese mediorientale la coppia avrà altri 3 figli, mentre Stefano combatte contro l'esercito siriano nel nome della "Guerra santa".

Ma la situazione cambia con il ritiro e la disintegrazione dei gruppi jihadisti in Siria. Stefano comincia a preoccuparsi per la sua sorte e quella della sua famiglia e si mette quindi in contatto con i servizi segreti italiani, che lo convincono ad arrendersi. Il giovane si reca quindi al confine tra la Turchia e la Siria, dove si arrenderà e da dove sarà poi estradato verso l'Italia.

Da notare che in Svizzera l'uomo si faceva chiamare Franz Huber per diffondere la sua propaganda e, secondo il Tages-Anzeiger, era "molto probabilmente" in combutta con tale Alperen A., un jihadista turco naturalizzato svizzero residente nel canton Turgovia e che attualmente langue in una prigione turca.

Guarda anche 

Maschera di Dalì e mitra in mano: erano due minorenni che giocavano a spaventare i passanti

ORBETELLO (Italia) – “La Casa di Carta” è ormai diventato un must un po’ per gli utilizzatori di Netflix di tutte le età, ma evident...
14.09.2021
Magazine

Chi si rivede: la Nazionale torna a Lugano

LUGANO – A distanza di 3 anni la Svizzera tornerà a Lugano. Questa volta non con Vladimir Petkovic in panchina, ma con Murat Yakin, e lo farà in vista...
07.09.2021
Sport

Saracinesca Sommer: Qatar 2022 è nelle nostre mani

BASILEA – Dici Svizzera-Italia e, specie in Ticino, ti si drizzano le orecchie. Tornano alla mente tante sfide importanti per i colori rossocrociati e, uscendo dall...
06.09.2021
Svizzera

Lotta dura senza paura

BASILEA - Lotta dura senza paura. Il titolo spiega tutto. Stasera a Basilea (ore 20.45, stadio esaurito!) la nazionale svizzera dovrà metterci cuore, grinta e...
05.09.2021
Sport