Svizzera, 21 gennaio 2021

In Bulgaria era maggiorenne, in Svizzera diventa minorenne: i giudici gli danno ragione

Era arrivato a Chiasso nell’ottobre 2019 e aveva chiesto asilo, sostenendo di essere minorenne. Ma le indagini svolte dalla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) avevano permesso di appure che egli evava già chiesto asilo in Bulgaria, nell’agosto 2018, presentandosi come maggiorenne. La SEM non è quindi entrata nel merito della domanda d’asilo, pronunciando il suo trasferimento verso la Bulgaria. Ma secondo i giudici la SEM ha sbagliato. Avrebbe dovuto considerare il fatto di essere di fronte “ad una persona con un grado di alfabetizzazione ridotto” e quindi ordinare degli esami medici per fugare qualsiasi dubbio circa la sua presunta minore età. Per questo motivo il Tribunale federale amministrativo (TAF) ha accolto il ricorso presentato per conto del cittadino afgano dalla signora Roberta Condemi di SOS Ticino.
 
Dalla sentenza pubblicata oggi dal TAF si evince che il giovane afgano si era da subito detto contrario a un trasferimento verso la Bulgaria. Aveva spiegato “di aver fornito generalità false in Bulgaria in quanto vittima di maltrattamenti e desideroso di vedersi trattare la richiesta di protezione altrove”. Tuttavia, in virtù dell’accordo di Dublino, la Svizzera aveva chiesto alle autorità bulgare la ripresa a carico dell’interessato ed esse avevano acconsentito.

Ma la signora Condemi di SOS Ticino si è messa di traverso. Ha presentato ricorso al TAF sostenendo che il giovane afgano si fosse sbagliato a causa del suo analfabetismo. “In effetti, pur essendo riuscito a dichiarare la data di nascita appresa dall’usuale iscrizione sulla copertina del corano, il richiedente l’asilo avrebbe avuto difficoltà ad indicare la sua età – si legge nella sentenza -. In tale contesto egli avrebbe invero fatto molta fatica a comprendere la differenza tra data di nascita ed età non solo a causa del semi-analfabetismo ma anche in ragione della disabitudine culturale a contare anni ed a memorizzare date”.

“In buona sostanza – conclude il TAF - anche in presenza di potenziali indicatori d’inverosimiglianza, permangono dunque dubbi circa la maggiore età dell’interessato; dubbi che necessitavano di essere fugati per il tramite dell’esperimento di ulteriori misure istruttorie prima di imputare al ricorrente di non essere stato in misura di rendere verosimile la sua minore età”.
Il ricorso è quindi stato accolto e il dossier rinviato alla SEM. Essa dovrà avvalersi dei metodi a sua disposizione (“segnatamente tomografia sterno-clavicolare e esame dello sviluppo dentale”) per pronunciarsi nuovamente sulla presunta minore età del richiedente.

Guarda anche 

Frontaliere condannato a 30 anni di carcere per aver ucciso una prostituta

Un lavoratore frontaliere francese è stato condannato in appello a 30 anni di carcere per aver ucciso nel 2016 una prostituta rumena a Sullens, nel canton Vaud. La...
25.09.2021
Svizzera

Proprietario di un'agenzia adescava giovani modelli per molestarli, condannato

Il proprietario di un'agenzia di modelli di Zurigo è finito a processo con l'accusa di aver molestato diversi giovani uomini in un periodo di diversi anni....
23.09.2021
Svizzera

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera