Svizzera, 19 gennaio 2021

Sei anni di carcere per aver istigato un ragazzino a derubare una pensionata

Un 36enne serbo residente nel canton Argovia, padre di tre figli, è stato condannato a sei di carcere per aver incitato un 14enne, figlio di un conoscente, a commettere tre rapine negli ultimi tre anni. Le rapine comprendevano due attacchi a negozi di stazioni di servizio di Dielsdorf (ZH) e Riedikon (ZH) e una rapina alla casa di una pensionata di 75 anni a Niederglatt (ZH).

Come riporta il portale "20 minuten", nell'aprile 2019 l'uomo era stato condannato in primo grado a cinque anni di reclusione e a sette anni di divieto di soggiorno in Svizzera. L'avvocato difensore e il pubblico ministero hanno presentato ricorso contro questa decisione e il caso è stato quindi portato dinanzi all'Alta corte del canton Zurigo.

Davanti al giudice che gli ha chiesto perché aveva commesso questi furti, l'imputato ha indicato che doveva pagare una multa di 4000 franchi per violazioni del codice della strada o andare in prigione. Ma quest'ultima prospettiva lo avrebbe privato di un contratto di lavoro.

"Quindi il ragazzo ha fatto il lavoro sporco perché lei era troppo codardo?", chiese il giudice. "Il ragazzo è molto più colpevole di me. Non l'avrei fatto da solo", ha
risposto l'imputato. Quando il giudice gli ha chiesto se non si era appena approfittato del ragazzo, ha risposto: "No, non sono un criminale!"

Il procuratore Adrian Kaegi ha chiesto una condanna a otto anni di privazione della libertà e dieci anni di espulsione dalla Svizzera. Ma per l'avvocato dell'imputato il movente del reato non era l'avidità. Il suo cliente si trovava in una situazione disperata a causa di una multa eccezionale. "Ha pagato la multa con il bottino due giorni dopo la rapina". E l'avvocato ha dato la sua versione del caso: "Il crimine è stato commesso dai giovani, il movente dal mio cliente". Ha chiesto una sospensione condizionale della pena di 22 mesi e nessuna espulsione dal paese. Poiché il suo cliente aveva già trascorso tre anni in prigione, avrebbe dovuto ricevere un risarcimento di 79'000 franchi per il tempo trascorso in carcere.

Ma i giudici dell'Alta Corte non hanno seguito la richiesta della difesa. Al contrario, hanno aumentato di un anno la pena inflitta dal tribunale di primo grado a sei anni di carcere e hanno prolungato l'espulsione di tre anni. Inoltre, l'uomo dovrà pagare alla pensionata derubata un indennizzo di 7'000 franchi.

Guarda anche 

Imam espulso dalla Svizzera si ripresenta a Chiasso come richiedente l’asilo

Il suo permesso di soggiorno in Svizzera gli era stato revocato nel 2015, decisione confermata definitivamente dai giudici nel 2017. Tornato in Egitto, l'Imam si sare...
17.04.2021
Svizzera

Espulsi dalla Svizzera i tre giocatori che picchiarono un arbitro

Cartellino rosso per i tre giocatori kosovari del FC Tordoya che nel 2018 aggredirono brutalmente un arbitro, durante una partita di quinta lega al centro sportivo di Eva...
15.04.2021
Svizzera

L’emiro di Winterthur aggredito col machete (da un altro islamista)

Una lite è sfociata in un’aggressione con un’arma da taglio, verosimilmente un machete, venerdì sera attorno alle 23 a Winterthur. Come rifer...
15.04.2021
Svizzera

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino