Svizzera, 16 gennaio 2021

Presto test a tappeto in tutta la Svizzera?

I test a tappeto potrebbero presto essere realtà in tutta la Svizzera. O perlomeno essere estesi ad altri cantoni, dopo l'esperienza, giudicata positiva, del canton Grigioni. Lo scorso dicembre, lo ricordiamo, il cantone alpino aveva effettuato test a tappeto in tre regioni su scala di massa. Anche se solo l'uno per cento dei test è risultato positivo il numero di nuove infezioni è stato significativamente ridotto nelle settimane successive.

Dopo questa esperienza i Grigioni hanno deciso di ampliare il programma di test a tutto il cantone. A partire dal mese di febbraio, chiunque lo voglia può essere sottoposto al test, indipendentemente dal fatto che abbia o meno dei sintomi. Il test è volontario e gratuito per i singoli mentre le aziende interessate a fare testare il personale dovranno pagare una quota che è ancora in fase di negoziazione. Il Cantone stesso ha stanziato 25 milioni di franchi per la strategia di ampliamento.

E dopo l'esperienza grigionese, altri cantoni stanno seguendo il suo esempio. Come riporta il "Blick" venerdì, il Canton Berna, tra gli altri, ne ha preso atto e intende estendere il numero di test effettuati. Anche se non si intende fare test di massa per l'intero cantone, molto più popoloso rispetto ai Grigioni, come sottolinea il portavoce del dipartimento della sanità bernese Gundekar Giebel, interpellato dal giornale svizzerotedesco. "È in corso un progetto pilota basato sul modello dei Grigioni, in cui si testano selettivamente gruppi di
persone senza sintomi". I dettagli saranno resi noti dal Cantone prossimamente.

Oltre al Canton Berna, anche Basilea Campagna intende seguire l'esempio dei Grigioni. Dall'inizio di gennaio sono stati testati 1200 dipendenti di case per anziani, 18 dei quali sono risultati positivi. Questo viene ripetuto ogni settimana e sarà ampliato. Inoltre, è in corso un progetto con degli studenti universitari con test PCR della saliva. "Il Cantone sta ora valutando l'opportunità di ampliare ulteriormente questo progetto", afferma la portavoce Andrea Bürki.

E il resto della Svizzera? Secondo Patrick Mathys dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nella strategia nazionale di test si tiene conto anche delle esperienze acquisite nei Grigioni. Tuttavia, non esistono ufficialmente test gratuiti per le persone senza sintomi.

Tali test gratuiti sarebbero accolti favorevolmente anche dalla task force federale, riferisce sempre il "Blick". "Questa è stata una proposta che il gruppo di esperti ha sostenuto fin dall'inizio", afferma l'economista Monika Bütler. "I costi sono relativamente bassi rispetto ai benefici".

Il presidente Martin Ackermann, anch'egli biologo, è invece più scettico. Mette in guardia dall'aspettarsi troppo da questa misura. "I test non sono un sostituto alle misure finora introdotte", dice, "e possono quindi essere solo una parte della strategia complessiva".

Guarda anche 

7 stranieri? No grazie! Bolla suggestiva però…

LUGANO - Nel mondo dell’hockey svizzero le discussioni tra gli addetti ai lavori e tra i mass media sono all’ordine del giorno: si cercano nuove formule ...
14.02.2021
Sport

Berna: vandalizzata un’esposizione perché l’artista è un poliziotto

Una galleria d’arte è stata presa di mira dai vandali, domenica sera a Berna. Ignoti hanno lanciato della pittura contro la vetrina del locale, mentre l&rsqu...
13.02.2021
Svizzera

“Grande passione e impegno: in Ticino si lavora bene”

LUGANO - Paolo Bernasconi, presidente del Volley Lugano, non ha dubbi: questo è un brutto momento, per cui bisogna stringere i denti e non perdere di vis...
02.02.2021
Sport

Una signora al comando in un mondo d’incertezza

BERNA - Florence Schelling è una persona dai modi e dai tratti gentili. Una rarità nel mondo dell’hockey: per tradizione (purtroppo), la mag...
01.02.2021
Sport