Mondo, 15 gennaio 2021

Dimissioni in blocco del governo olandese per uno scandalo di assegni familiari

Il governo olandese guidato dal primo ministro Mark Rutte (nella foto) si è dimesso in blocco venerdì, riportano i media olandesi, a causa di uno scandalo in cui migliaia di famiglie sono state falsamente accusate di frode per una questione di assegni familiari.

Migliaia di famiglie sono state falsamente accusate di frode agli assegni familiari prima di essere costrette a rimborsarli, il che ha fatto precipitare alcuni di loro in gravi problemi finanziari. Inoltre, molte famiglie sono state sottoposte a una "profilazione etnica" sulla base della loro doppia nazionalità.

I quattro partiti di centro-destra al potere si erano incontrati in precedenza per discutere di un'eventuale dimissione, mentre Mark Rutte, primo ministro dal 2010 e uno dei capi di stato europei in carica da più tempo, aveva precedentemente annunciato che si sarebbe candidato per un quarto mandato.

Un rapporto d'inchiesta parlamentare pubblicato a dicembre ha rilevato che i funzionari pubblici hanno bloccato le indennità di migliaia di famiglie accusate ingiustamente di frode tra il 2013 e il 2019, prima di costringerle a restituire retroattivamente quelle ricevute per diversi anni, in alcuni casi decine di migliaia di euro.

Politici di alto rango, tra cui diversi ministri in carica, sono accusati di aver chiuso un occhio su disfunzioni di cui erano a conoscenza.

Rutte si era precedentemente opposto alle dimissioni della sua coalizione, sostenendo che il Paese ha bisogno di un governo unito per combattere il nuovo coronavirus.

Martedì aveva aggiunto che sperava che il suo governo, dimissionario o meno, avrebbe continuato a prendere decisioni sulla gestione della crisi sanitaria fino alle elezioni.

Il sistema politico olandese permette l'esistenza di un "governo dimissionario", che può occuparsi dell'attualità in attesa della formazione di un nuovo governo o dello svolgimento di elezioni.

Gli altri partiti della coalizione al potere erano riluttanti a chiedere le dimissioni del governo, ritenendo che il governo dovesse assumersi la responsabilità dello scandalo che ha colpito circa 26.000 genitori, secondo le stime dei media olandesi.

Diversi dei genitori accusati ingiustamente avevano pubblicato un video online lunedì scorso, in cui chiedevano al governo di dimettersi.

Inoltre, è stato rivelato che i funzionari del fiscano avevano "profili etnici" di circa 11'000 persone sulla base della loro doppia nazionalità, comprese alcune delle persone interessate dalla vicenda degli assegni familiari.

A dicembre, il governo olandese aveva annunciato di voler versare almeno 30'000 euro a ciascun genitore colpito nei quattro mesi successivi, ma questo non è stato sufficiente a sgonfiare lo scandalo.

Guarda anche 

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si è dimesso

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si è dimesso sabato sera dopo essere stato coinvolto in uno scandalo di corruzione in cui era accusato di aver manipolato d...
09.10.2021
Mondo

Mario Fehr lascia il PS, i Giovani socialisti esultano: "Non era degno"

Il consigliere di Stato zurighese Mario Fehr, il più votato in assoluto alle elezioni cantonali del 2019, ha annunciato oggi la sua decisione di lasciare il Partit...
18.06.2021
Svizzera

Petra Gössi lascerà la presidenza del PLR

La presidente del PLR Petra Gössi ha annunciato in un comunicato stampa che si dimetterà dalla sua posizione al più tardi alla fine dell'anno. Tutt...
14.06.2021
Svizzera

1988, l’unica volta della nazionale Orange

Finalmente! L’Olanda, che aveva sfiorato la conquista dei Mondiali in Germania e in Argentina (1974 e 1978), alza al cielo il suo primo e sinora unico trofeo...
27.04.2021
Sport