Mondo, 15 gennaio 2021

Italia verso ulteriori restrizioni

Quasi tutta Italia in zona arancione e il divieto di spostarsi tra le regioni fino al 15 febbraio, con Lombardia e Sicilia che da domenica potrebbero essere le prime zone rosse del 2021. Entrerà in vigore nelle prossime ore la nuova stretta per evitare che anche l'Italia finisca nella stessa situazione di Gran Bretagna e Germania, costringendo il governo all' unica soluzione possibile in quel caso: un nuovo lockdown nazionale.
 

Il nuovo DPCM verrà ufficializzato a breve, riporta l'ANSA. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha chiaramente detto che "la situazione non può essere sottovalutata. Dobbiamo anticipare le restrizioni per evitare una nuova, forte, ondata". Nessun passo indietro, dunque, con il rinnovo di tutte le misure già in vigore a partire dal coprifuoco dalle 22 alle 5, le scuole superiori in didattica a distanza al 50% da lunedì e l'inasprimento delle soglie per accedere alle zone con restrizioni, introdotte con il decreto approvato mercoledì.
 

Qualche modifica rispetto alle bozze il governo però l'ha fatta. Il divieto di spostamento tra le regioni, comprese quelle gialle, sarà in vigore fino al 15 febbraio e non più al 5 marzo. Fino a quella data sarà

invece valida la regola che consente una sola volta al giorno ad un massimo di due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi) di andare a trovare parenti o amici nella regione, se questa è in zona gialla, o nel comune se è in zona arancione o rossa. E sempre fino al 5 marzo sarà possibile spostarsi nelle regioni arancioni dai comuni con una popolazione non superiore ai 5mila abitanti, per una distanza non superiore ai 30 km e mai verso i capoluoghi di provincia.
 

Il governo ha poi confermato il divieto della vendita da asporto per i bar dalle 18. Provvedimento fortemente criticato dalle Regioni: "non porta vantaggi significativi sul piano della prevenzione e al contrario rischia di rappresentare un ulteriore fattore negativo di tensione sociale ed economica sui territori", ha detto il presidente della Conferenza Stato Regioni Stefano Bonaccini a nome di tutti i governatori.
 

Con il decreto viene infatti introdotta la 'zona bianca', in cui le uniche restrizioni sono il distanziamento e l'uso della mascherina. Ma i parametri per entrarci - 3 settimane consecutive di incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti e un rischio basso - fanno sì che ci vorranno mesi prima che una regione possa trovarcisi. 

Guarda anche 

Protesi monocomportartimentale, la soluzione poco invasiva contro l’artrosi al ginocchio che permette un recupero rapido e totale

Un metodo innovativo, che permette una ripresa più rapida, grazie a un intervento più semplice che comporta minori rischi e interessa meno parti del ginocch...
16.06.2021
Mondo

90enne aggredita e violentata a casa sua a Como, arrestato un richiedente l'asilo

Una 90enne comasca è stata aggredita e violentata in casa, lo scorso venerdì 11 giugno. Come riportano i media italiani, l'anziana signora, tra le 21 e ...
15.06.2021
Mondo

Israele: Naftali Bennett diventa premier al posto di Netanyahu

Il parlamento israeliano ha votato domenica sera la fiducia al nuovo governo di Natfali Bennet, che prende quindi il posto di Benjamin Netanyahu, al potere da 12 anni. ...
14.06.2021
Mondo

Dieci anni di carcere ai migranti che incendiarono il campo profughi di Moria

Il tribunale greco di Chios ha condannato oggi i quattro giovani afgani che nel settembre 2020 incendiarono e devastarono il campo profughi di Moria, sull’isola di ...
13.06.2021
Mondo