Sport, 17 dicembre 2020

Lugano, da mangiarsi le mani…

Lo 0-0 di San Gallo muove la classifica, ma gli errori dei bianconeri privano la truppa di Jacobacci di 2 punti preziosissimi

SAN GALLO – Dopo il KO interno di domenica contro lo Zurigo, tornare da San Gallo con un punto in cascina è sempre e comunque una buona cosa, una notizia preziosa, ma dopo aver visto il Lugano giocare una buona partita al Kybunpark, c’è più rammarico che soddisfazione.
 
Ebbene sì perché lo 0-0 maturato in terra sangallese non rispecchia esattamente quanto visto in campo: nonostante diverse assenze importanti, infatti, Lungoyi e compagni hanno avuto le migliori occasioni per fare breccia, ma vuoi le parate di Zigi, vuoi l’imprecisione di Ardaiz, di Maric o dello stesso numero 8 offensivo… alla fine il risultato non si è mai mosso da quello iniziale.
 
Un peccato, un vero e proprio peccato. Perché dopo la pausa forzata per il Coronavirus, dopo la ripresa e il capitombolo interno di domenica, ci si poteva immaginare che il Lugano potesse pagare qualcosa dal punto di vista delle resa e del gioco espresso, e invece… i bianconeri hanno risposto bene, esprimendo un bel calcio anche un campo complicato come quello di San Gallo.
 
Certo, la contemporanea vittoria dell’YB a Basilea allontana Sabbatini e compagni dalla vetta, li tiene in quinta posizione a -7 dagli stessi bernesi che hanno disputato una partita in più e permette agli stessi biancoverdi, allo Zurigo e al Basilea di precedere i sottocenerini. Ma pazienza… il campionato è ancora lungo e il Lugano, continuando a giocare così, sperando di trovare un po’ più di freddezza in fase offensiva (e magari una vera punta sul mercato) potrebbe davvero togliersi tante soddisfazioni.

Guarda anche 

Lugano, che succede? Troppo Zugo per l’Ambrì

LUGANO – È davvero complicato capire e analizzare il momento dell’HC Lugano. O forse, al contrario, è davvero molto semplice. I bianconeri, che ...
18.01.2021
Sport

Daprelà ancora lui: a Sion arriva il primo punto del 2021

SION – In attesa di Abubakar, al Lugano basta Daprelà. Così come era successo lo scorso ottobre a Cornaredo, così nella prima uscita stagione d...
18.01.2021
Sport

“Negli States tira aria pesante ma non mi faccio condizionare”

COLUMBUS (USA) - La National Hockey League (NHL), il campionato più duro e più bello al mondo, è ripartito nella notte di mercoledì scors...
19.01.2021
Sport

“Conte mi ha insegnato ad essere un calciatore”

LUGANO - Non sono molti i giocatori che hanno potuto beneficiare dei consigli e delle direttive di allenatori come Antonio Conte e Vladimir Petkovic. Uno di questi &...
19.01.2021
Sport