Sport, 17 dicembre 2020

Lugano, da mangiarsi le mani…

Lo 0-0 di San Gallo muove la classifica, ma gli errori dei bianconeri privano la truppa di Jacobacci di 2 punti preziosissimi

SAN GALLO – Dopo il KO interno di domenica contro lo Zurigo, tornare da San Gallo con un punto in cascina è sempre e comunque una buona cosa, una notizia preziosa, ma dopo aver visto il Lugano giocare una buona partita al Kybunpark, c’è più rammarico che soddisfazione.
 
Ebbene sì perché lo 0-0 maturato in terra sangallese non rispecchia esattamente quanto visto in campo: nonostante diverse assenze importanti, infatti, Lungoyi e compagni hanno avuto le migliori occasioni per fare breccia, ma vuoi le parate di Zigi, vuoi l’imprecisione di Ardaiz, di Maric o dello stesso numero 8 offensivo… alla fine il risultato non si è mai mosso da quello iniziale.
 
Un peccato, un vero e proprio peccato. Perché dopo la pausa forzata per il Coronavirus, dopo la ripresa e il capitombolo interno di domenica, ci si poteva immaginare che il Lugano potesse pagare qualcosa dal punto di vista delle resa e del gioco espresso, e invece… i bianconeri hanno risposto bene, esprimendo un bel calcio anche un campo complicato come quello di San Gallo.
 
Certo, la contemporanea vittoria dell’YB a Basilea allontana Sabbatini e compagni dalla vetta, li tiene in quinta posizione a -7 dagli stessi bernesi che hanno disputato una partita in più e permette agli stessi biancoverdi, allo Zurigo e al Basilea di precedere i sottocenerini. Ma pazienza… il campionato è ancora lungo e il Lugano, continuando a giocare così, sperando di trovare un po’ più di freddezza in fase offensiva (e magari una vera punta sul mercato) potrebbe davvero togliersi tante soddisfazioni.

Guarda anche 

Lugano e il problema dei “soli” 4 stranieri

LUGANO – Poche settimane prima dell’avvio della stagione, e con la Champions Hockey League che si stava avvicinando, alcuni rumors davano il Lugano sulla stra...
17.09.2021
Sport

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport