Sport, 30 novembre 2020

Lugano pazzesco: il sogno continua nel segno di Bottani

Successo fondamentale e incredibile quello conquistato ieri dai bianconeri contro il Basilea. La rete del numero 10 a una manciata di secondi dalla fine del recupero tiene i ticinesi a -2 dall’YB

LUGANO – C’erano soltanto quei pochi spettatori ammessi dalle regole anti-Covid ad assistere al match, ma il boato che si è sollevato da Cornaredo a pochi secondi dalla fine della sfida casalinga contro il Basilea, quando Bottani ha depositato in fondo al secco la rete dell’1-0, ha riecheggiato su tutta la Lugano. I bianconeri non smettono di stupire e, restando ancora imbattuti in stagione, continuano a sognare… un sogno non tanto ad occhi aperti, ma reale, vero, intenso e bellissimo. Sì, perché la classifica dopo 8 partite disputate è pazzescamente bella e vede i bianconeri a quota 16 punti, secondi a -2 dall’YB capolista.

Se tutto questo fosse un sogno, nessuno svegli la truppa di Jacobacci, ma si sa… i sogni aiutano a vivere meglio. E allora, forza Lugano, continua a vivere su questa nuvola che ti accompagna da inizio campionato, ma restando sempre ben ancorato a terra, come sai fare.

Anche ieri Gerndt e compagni hanno saputo soffrire, sono anche stati fortunati nel primo tempo, ma poi, proprio quando lo
0-0 sembrava destinato a diventare realtà, ecco la giocata di quell’Odgaard fin qui oggetto del mistero e il controllo e il tocco sopraffino di Mattia Bottani che ha fatto sobbalzare tutti i tifosi, allo stadio e davanti alla tv o alle radio, compreso il presidente Angelo Renzetti, più felice e sorridente che mai.

Sulla truppa di Jacobacci si potrebbe iniziare a scrivere un primo intenso capitolo di un libro. Perché pur non essendo obiettivamente la rosa più forte del campionato, dovendo fare a meno di giocatori importanti come Sabbatini e di una punta di razza, questo Lugano sa reggere l’urto, sa chiudersi, sa fare cerchio, per poi colpire… e come sa colpire. Facendo male, mettendo in ginocchio i propri avversari, compreso il Basilea che, pur non essendo il Basilea schiacciasassi di qualche anno fa, resta comunque il Basilea.

Insomma Lugano, goditi questa classifica, ma non accontentarti, non illuderti e non sentirti soddisfatto perché il sogno è lì e come detto… i sogni aiutano a vivere meglio.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport