Svizzera, 26 novembre 2020

Il confinamento e la recessione dovute al Covid hanno sbilanciato il mercato del lavoro

Il confinamento dovuto al Coronavirus e la conseguente recessione hanno avuto un notevole impatto sul mercato del lavoro in Svizzera, creando uno squilibrio tra domanda e offerta in diversi settori. Mentre la pandemia ha portato a gravi carenze di manodopera in alcuni settori come la medicina e l'ingegneria, altri settori più concentrati sui servizi hanno visto un significativo aumento della disoccupazione a causa delle misure di contenimento.

Troppe persone in cerca di lavoro in un settore, non abbastanza nell'altro. È questa, in sostanza, la conclusione dello studio condotto da Adecco sul mercato del lavoro svizzero, in collaborazione con l'osservatore del mercato del lavoro dell'Università di Zurigo.

Il Paese è solitamente caratterizzato da una carenza di manodopera, con l'indice di riferimento che "è aumentato ogni anno fino al 2019", secondo un comunicato pubblicato giovedì.

Nel 2020, tuttavia, la carenza diminuirà del 17% su base annua per la prima volta dalla creazione dell'indice nel 2016. "Il numero di posti vacanti è in calo nella maggior parte delle professioni, mentre il numero di chi cerca lavoro è in aumento", ha detto il gigante svizzero del collocamento del personale, riferendosi a "un cambiamento molto rapido".

La disoccupazione è in aumento, come detto, in particolare nelle professioni orientate al servizio, come alberghi, ristoranti e commercio, che hanno risentito pesantemente delle misure messe in atto per frenare la diffusione del nuovo coronavirus.

Anche le professioni commerciali risentono di una sovrabbondanza di persone in cerca di lavoro, che sono state ostacolate dalla digitalizzazione e dal freno alle nuove assunzioni a causa dell'incertezza generale.

Al contrario, la crisi ha creato maggiore necessità di manodopera in settori come la medicina, farmacia o ingegneria, "dove il numero di posti di lavoro vacanti è superiore al numero di persone in cerca di lavoro nel 2020", si legge nel comunicato di Adecco. "Per esempio, stiamo assistendo a un aumento della domanda in geriatria, psicogeriatria e medicina d'urgenza", spiega Corinne Scheiber, responsabile di Adecco Medical.

L'accelerazione della digitalizzazione e del telelavoro hanno anche aumentato la domanda di manodopera nell'IT, un settore in cui i reclutatori sono alla ricerca di personale con qualifiche in tale ambito.

La crisi ha inoltre colpito le regioni in modo diverso. La Svizzera tedesca è stata colpita più duramente di altre regioni, poiché il suo indice di carenza di manodopera è diminuito in modo più marcato, di circa il 21% su base annua, con un netto calo dei posti di lavoro vacanti nelle professioni commerciali e amministrative. Nella Svizzera romanda l'indice è sceso solo del 12%, con una domanda insoddisfatta di tecnici o contabili, ad esempio.

Per gli autori dello studio, l'impatto della crisi di Covid-19 potrebbe diminuire nel tempo. "La prima ondata di Covid-19 ha creato un senso di incertezza tra le aziende (...). Per la seconda ondata dell'epidemia, potranno attingere alla loro esperienza della prima ondata. Nonostante le misure restrittive, le aziende stanno di nuovo assumendo sempre più personale", conclude Monica Dell'Anna, amministratore delegato di Adecco Svizzera.

Guarda anche 

Test covid gratuiti, "sì ma..." del Consiglio degli Stati

Giovedì scorso, il Consiglio Nazionale ha approvato il principio che i test per il Covid-19 siano resi gratuiti, decisione seguita lunedì dal Consiglio degl...
07.12.2021
Svizzera

Sarà un hockey 2G: solo vaccinati e guariti in tutte le piste elvetiche

LUGANO - Non solo l’Ambrì, ma tutte le partite di National League e di Swiss League si disputeranno con la regola del 2G: soltanto coloro in possesso del vac...
07.12.2021
Sport

L’Ambri passa al 2G alla Gottardo Arena

AMBRÌ- Crescono i casi di covid, arrivano le restrizioni del Consiglio federale e l’Ambrì corre ai ripari: da questa sera alla Gottardo Arena si entre...
07.12.2021
Sport

Nuove misure anticovid, "svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri"

Le misure anti-covid decise venerdì dal Consiglio federale sono "discriminanti" nei confronti dei cittadini svizzeri rispetto ai lavoratori frontalieri, ...
05.12.2021
Svizzera