Svizzera, 12 novembre 2020

Bombardava i servizi d'urgenza di telefonate, la mettono in carcere dove scatena il putiferio

Una donna residente nel canton Vaud tempestava di chiamate polizia, ospedali, pompieri e istituti psichiatrici finchè un giudice non ne ha ordinato l'incarcerazione. Nel 2018, per esempio, aveva chiamato 400 volte in due giorni il numero delle emergenze psichiatriche. Dato che gli esperti ne sconsigliavano il ricovero in ospedale e altre non specificate misure non hanno avuto il loro effetto, il giudice l'ha quindi condannata a scontare 9 mesi in carcere con un seguito psichiatrico.

Ma nemmeno in prigione la situazione è migliorata. I nervi del personale del carcere La Tuilière, a Lonay nel canton Vaud, sono stati messi a dura prova. Sono stati insultati, aggrediti, sollecitati fino a 200 volte al giorno. La signora ha anche bloccato gli interfoni. Il suo comportamento irritava i suoi compagni
di cella e diverse risse sono scoppiate per colpa sua. Non soddisfatta del suo avvocato, dal carcere chiamava incessantemente i servizi sociali.

Alla fine è stata trasferita a Curabilis, un carcere ginevrino che offre terapia psichiatrica. Ma anche qui la misura non ha avuto l'effetto desiderato. Al suo ritorno alla Tuilière, ha chiesto nuovamente di essere rilasciata il prima possibile, ritenendo che i suoi "richiami compulsivi non avrebbero causato pericoli concreti per gli altri" e che non fossero reati gravi. I giudici però non hanno seguito le argomentazioni della detenuta. Hanno sottolineato la sua mancanza di collaborazione e di cortesia. Hanno anche invitato i servizi penitenziari a trovare rapidamente una soluzione per lei, che non sia un nuovo ricovero a Curabilis.

Guarda anche 

Riceve 1'800 franchi di multa per aver segnalato dei radar e dei controlli di polizia

Tra febbraio e maggio 2021, un uomo allora 29enne residente a Winterthur (ZH) aveva annunciato cinque controlli di velocità e del traffico da parte della polizi...
29.09.2022
Svizzera

Condannato per frode, non viene espulso perchè il suo QI è troppo basso

La lista di crimini di un 25enne kosovaro recentemente comparso in tribunale a Winterthur è lunga. Il suo fascicolo è lungo 77 pagine, che descrivono pri...
28.09.2022
Svizzera

Un'intera famiglia a processo per traffico di stupefacenti

Una famiglia di sei cittadini kosovari è accusata di essere coinvolta in un'importante traffico di droga tra il 2014 e il 2018. Durante il primo giorno di udie...
27.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera