Svizzera, 02 novembre 2020

Finesettimana di Halloween marcato da scontri e disordini

Il finesettimana appena concluso è stato marcato da diversi episodi di violenza e vandalismi in diverse parti della Svizzera. La polizia cantonale bernese ha ricevuto circa 20 segnalazioni di incidenti solo per la città di Bienne, su un totale di 60 nel cantone, soprattutto per danni materiali e graffiti. A Bienne si sono registrati diversi scontri dopo che gli avventori di bar e locali si sono radunati nelle strade, ha riferito domenica la polizia cantonale bernese.

La polizia bernese ha usato proiettili di gomma su gruppi di persone, che avevano, tra l'altro, lanciato dispositivi pirotecnici sulla strada. Inoltre, un blocco stradale era stato eretto utilizzando un contenitore di rifiuti in fiamme.

La polizia ha anche disperso una folla che si era formata alla stazione ferroviaria di Bienne (nella foto) utilizzando proiettili di gomma e gas lacrimogeni. Questo dopo che le sue ripetute richieste orali erano state ignorate, si legge nel comunicato della polizia.

La polizia vodese ha riferito domenica che sabato sera a Yverdon-les-Bains sono stati commessi incendi e altri danni materiali intenzionali.

Verso le 21:40 circa, una cinquantina di giovani si trovavano sulla strada pubblica lanciando fuochi d'artificio, incendiato un contenitore di rifiuti e creando confusione, ha detto la polizia.

"Diverse decine di poliziotti sono stati chiamati come rinforzi. Nel frattempo, altri contenitori e oggetti in fiamme erano stati messi in strada dai giovani. La polizia è intervenuta in forze intorno alle 22:30 e i vigili del fuoco sono riusciti a spegnere il fuoco", riferisce il comunicato della polizia. I giovani si sono poi dispersi.

Altri danni materiali si sono verificati anche in altre parti della città vodese. La polizia ha riferito "di lanci di pietra su un'auto della polizia, due autopompe, danni a una pensilina di autobus e agli autobus, questi ultimi danneggiati nelle prime ore serali".

La calma è stata ripristinata durante la notte. Durante questi episodi, la polizia non ha effettuato alcun arresto, ma "ha effettuato una decina di identificazioni". Saranno presentate denunce penali.

Altrove nel canton Vaud, in particolare a Nyon e nella regione di Losanna, si segnalano "vari danni alle cose, incendi di bidoni della spazzatura, lancio di sassi o uova contro edifici e veicoli della polizia", aggiunge la polizia cantonale. Non ci sono stati feriti.

Anche a Ginevra la notte è stata segnata da diverse scaramucce "tra piccoli gruppi di giovani e la polizia", ha spiegato domenica la polizia cantonale ginevrina. Uno scooter è stato dato alle fiamme dalle 22 in poi e "i trasgressori hanno attaccato la polizia e i vigili del fuoco", si legge nel comunicato.

Lanci di pietre e fuochi d'artificio sono stati lanciati contro la polizia, i vigili del fuoco e i mezzi di trasporto pubblico. Quattro persone, tra cui tre minorenni, sono state arrestate.

Anche gli incendi dei bidoni dell'immondizia hanno avuto luogo nella città di Ginevra. Un totale di dieci persone sono state arrestate dalla polizia durante la notte. La situazione è tornata alla normalità intorno alle 01:00 del mattino.

A Zurigo, la polizia cantonale e comunale è dovuta intervenire circa 100 volte per incidenti legati ad Halloween. Danni materiali, scontri e disordini sono stati segnalati in tutto il cantone.

Secondo la polizia cantonale di Zurigo la domenica, la maggior parte dei casi, come negli altri anni, ha riguardato il lancio di uova su facciate e su automobili in movimento. Contenitori e sacchi della spazzatura sono stati gettati in strada. Gabinetti mobili sono stati abbattuti e a volte bruciati. Anche diverse finestre sono state rotte da lanci di pietre o bottiglie.

Nel cantone di Sciaffusa, secondo la polizia, secondo la polizia, ignoti colpevoli hanno danneggiato automobili nella città di Sciaffusa e a Neunkirch, tra gli altri luoghi. Inoltre, giovani hanno lanciato uova e petardi contro case e un autobus pubblico.

Guarda anche 

L’Ucraina non ci sta e attacca la Svizzera: “Il medico di Lucerna non ha voluto fare i tamponi il giorno della partita”

KIEV (Ucraina) – C’è rabbia nelle fila dell’Ucraina dopo l’annullamento della sfida di Nations League di martedì quando a Lucerna i ...
22.11.2020
Sport

Abitare nel 2020: i nuovi modelli

Brülhart & Partners SA - L’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ci ha costretti a trascorrere più tempo in casa per proteggere la nostra salut...
20.11.2020
Svizzera

La CEDU ferma l'espulsione di un richiedente l'asilo perchè omosessuale

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato la Svizzera per aver voluto rimpatriare al suo Paese un cittadino gambiano che sostiene essere omosessuale...
17.11.2020
Svizzera

Ucraina in quarantena: niente match per la Svizzera

LUCERNA – Tre nuovi casi di positività al Covid e il medico cantonale di Lucerna ha deciso di mettere in quarantena l’Ucraina: la decisione tanto attes...
17.11.2020
Sport