Ticino, 30 ottobre 2020

A Lugano va in scena una protesta contro le misure anti Covid. Una giornalista colpita da una testata

"In strada e nelle carceri assassinati, nei lager ammucchiati: facile per i borghesi stare a casa tranquilli e viziati". Sono frasi forti quelle scritte e gridate da un gruppo di manifestanti in piazza Molino Nuovo a Lugano.

Una trentina di persone sta urlando slogan e scrivendo slogan con bottigliette spray, protestando contro le misure del Governo per arginare il Coronavirus. "Con il pretesto dell’emergenza sanitaria ci tolgono la libertà", si legge su un volantino. 

Presenti anche alcuni colleghi giornalisti. Vedendoli i manifestanti sono diventati nervosi e un reporter è stato cacciato in malo modo quando si è avvicinato cercando di scoprire qualcosa in più sulla protesta, un'altra è stata addirittura aggredita con una testata al volto (altri partecipanti alla manifestazione si sono dissociati esprimendole solidarietà). 

Guarda anche 

Rubens per l'Avvento e altre news al m.a.x. museo

Care amiche e cari amici, il mese di dicembre riserva tante piacevoli sorprese a tutti gli amanti dell'arte e della cultura! Fra gli eventi collaterali alla...
02.12.2020
Ticino

Lite a Bellinzona, due uomini in fuga

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che oggi poco prima delle 8 vi è stata una lite in un appartamento di uno stabile in Piazza del Sole a Bell...
02.12.2020
Ticino

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, mercoledì 2 dicembre, s...
02.12.2020
Ticino

Un nuovo volto per il Casinò Lugano

Lugano- Il mese di novembre al Casinò Lugano è stato contraddistinto dalle limitazioni legate alle normative federali e cantonali per controllare il ...
01.12.2020
Ticino