Ticino, 31 ottobre 2020

Frontaliera ottiene il permesso nonostante una condanna a 2 anni e 8 mesi

Il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha dato ragione a una barista frontaliera, classe 1983, cui la Sezione della popolazione del Dipartimento delle Istituzioni aveva deciso di non rinnovare il permesso G, dopo aver preso atto grazie al casellario giudiziale che in passato era stata condannata in Italia a una pena detentiva di 2 anni e 8 mesi.
 
In base alla sentenza pubblicata oggi lo Stato del Cantone Ticino deve quindi consentirle di ottenere un permesso per frontalieri e rifonderle 1'800 franchi a titolo di ripetibili.
 
La donna ha lavorato in Ticino per vari periodi a partire dal 2015, sempre come barista. Nel 2017, al momento di chiedere il rinnovo del permesso G, erano emersi i suoi precedenti penali in Italia. La condanna a 2 anni e 8 mesi, legata a traffici di stupefacenti, risaliva al 2008.
 
Il TRAM ha riconosciuto la gravità di quanto addebitato alla donna ma ha altresì rimarcato che i reati di cui si è macchiata sono ormai “lontani nel tempo” e che da allora non è più stata condannata. Pertanto ha accolto il ricorso della barista frontaliera, annullando la decisione della Sezione della popolazione.


Guarda anche 

Dopo aver passato metà della sua vita in carcere, viene nuovamente condannato per rapina

Un cinquantenne portoghese che ha passato metà della sua vita nelle carceri francesi per vari reati, sta per avere un assaggio delle prigioni svizzere. Autore di t...
02.12.2020
Svizzera

Tempestava l'ospedale e la polizia di telefonate, dovrà rimanere in carcere

Dovrà restare in carcere la telefonatrice seriale del canton Vaud. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della donna, arrestata nel febbraio scorso dopo che...
27.11.2020
Svizzera

Espulso dopo 21 condanne, cinque figli e mezzo milione di debiti

Avrebbe dovuto lasciare la Svizzera nel 2002, quando la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma non l’ha fatto. Ora però, dopo diciott’anni, c...
25.11.2020
Svizzera

Aveva rubato capre e galline per salvarli dal macello, dovrà pagare più di 10'000 franchi tra multe e risarcimenti

Aveva rubato delle galline e delle capre per salvarle dal macello. Un'attivista animalista è stata condannata giovedì a una multa di 100 aliquote giorna...
20.11.2020
Svizzera