Mondo, 30 ottobre 2020

L'attentatore di Nizza sbarcato a Lampedusa, "Italia screditata in tutto il mondo"

Sarebbe partito dalla Tunisia e sbarcato a Lampedusa all'inizio di ottobre l'attentatore islamico che giovedì ha brutalmente ucciso tre persone a Nizza, nel sud della Francia (vedi articoli correlati). Nella ricostruzione fornita da "Il Giornale", Aouissaoui Bahrain, così si chiama l'attentatore tunisino, avrebbe attraversato il Mediterraneo illegalmente come uno dei tanti migranti clandestini che regolarmente sbarcano nella vicina penisola. Arrivato a Lampedusa sarebbe stato spostato sul continente europeo a Bari, nel sud dell'Italia, e lì avrebbe ricevuto un "foglio di via", ossia un'intimazione a lasciare il territorio italiano entro sette giorni, senza che questa disposizione fosse poi effettivamente verificata dalle autorità italiane. In pratica quindi, aveva ricevuto il permesso di muoversi liberamente sul territorio italiano e europeo. Bahrain avrebbe comunque eseguito l'ordine intimato per raggiungere la Francia, paese da settimane nel mirino dei radicali islamici a causa delle dichiarazioni di Macron sul "separatismo islamico" prima, e per le sue affermazioni successive all'attentato in cui fu decapitato un insegnante a Parigi.

A rivelare gli spostamenti di Bahrain e il fatto che era arrivato in Francia da pochi giorni è stato il deputato francese dei Republicains, Eric Ciotti, dopo
aver partecipato all'unità di crisi con il presidente Emmanuel Macron. "Durante l'incontro - ha spiegato - ho appena chiesto a Macron di sospendere tutti i flussi migratori e tutte le procedure di asilo, soprattutto al confine italiano".
Il fatto che l'attentatore si sia servito dell'Italia per raggiungere il suolo francese ha mandato su tutte le furie il leader dell'opposizione Matteo Salvini, che su Twitter ha parlato di "una vergogna internazionale" per l'Italia e ha fustigato l'agire degli scorsi mesi del governo italiano in materia di immigrazione illegale, proprio poche settimane dopo che questo aveva smantellato i decreti che lo stesso Salvini aveva fatto approvare quando era ministro dell'interno.

"Discredito su Lampedusa, Bari e Italia in tutte le tv del mondo perché l'assassino islamico, lo sgozzatore, l'abbiamo fatto entrare noi. Il governo lo ha fermato? Espulso? No, coccolato e nutrito, gli ha messo magari un foglietto in mano con scritto 'torna a casa'" ha tuonato l'esponente della Lega, chiedendo che se i fatti descritti sopra, ossia il fatto che l'attentatore tunisino sia stato fatto sbarcare e poi lasciato fuggire dalle autorità italiane, che l'attuale ministro dell'interno italiano Luciana Lamorgese dia le dimissioni.

Guarda anche 

Poliziotti francesi multano un ginevrino in Svizzera a causa di un errore di Google Maps

Di fronte alla dogana di Monniaz (Jussy), una siepe condivide la strada omonima. Da un lato c’è la Svizzera, dall'altro la Francia. Giovedì scorso...
29.02.2024
Svizzera

Licenziata dopo aver chiesto di indossare il velo a lavoro, fa causa alla Migros

Una cassiera curda di fede musulmana, che lavorava alla Migros dal 2017 e che era stata licenziata senza preavviso lo scorso luglio dopo aver espresso il desiderio di ind...
23.02.2024
Svizzera

Alle scuole elementari del canton Turgovia verrà introdotto un corso di "insegnamento islamico"

Nel Canton Turgovia alle scuole elementari verrà inserito nel programma scolastico un corso di insegnamento islamico. Per le autorità turgoviesi, ciò...
09.02.2024
Svizzera

Marine Le Pen in testa nelle intenzioni di voto nelle presidenziali francesi

Secondo un sondaggio pubblicato mercoledì, la leader del Rassemblent national francese Marine Le Pen è in testa alle intenzioni di voto per il primo turno d...
08.02.2024
Mondo

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto