Svizzera, 29 ottobre 2020

Una moglie anziana in Svizzera, una giovane in patria: espulso

Aveva già una moglie, un figlio e un altro bambino in arrivo in Macedonia quando è convolato a nozze con una cittadina svizzera di 22 anni più anziana di lui. In precedenza l’aveva vista solo due volte e non riusciva a comunicare con lei, non parlando nessuna lingua in comune. Ma, si sa, a volte l’amore può essere cieco.
 
Così per diversi anni il cittadino macedone è riuscito a condurre una vita parallela. Durante le vacanze con la sua famiglia macedone, arricchita in seguito da un terzo figlio, durante il resto dell’anno con la moglie svizzera. O meglio, non lontano dalla moglie svizzera, visto che la coppia non aveva dormito insieme nemmeno nella prima notte di nozze e si era limitata a convivere giusto quanto bastava per ottenere e rinnovare il permesso di soggiorno.
 
L’inganno è però stato scoperto al momento in cui la moglie svizzera, oggi 65enne, ha chiesto e ottenuto il divorzio dal marito, 43enne. Allora la Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) ha negato al cittadino macedone il rinnovo del permesso di soggiorno. Lui si è opposto al Tribunale amministrativo federale (TAF) ed è in questa sede che è emerso la doppia vita condotta dall’uomo. I giudici hanno evidenziato che egli aveva sposato la cittadina svizzera solamente per ottenere il permesso. Si era trattato dunque di un matrimonio fittizio, ciò che non gli consente di pretendere di prolungare il proprio soggiorno in Svizzera. Una tesi confermata anche dal Tribunale federale (TF), che in data odierna ha pubblicato la sentenza con la quale viene definitivamente pronunciato il rinvio dalla Svizzera del cittadino macedone, che dovrà quindi tornare dalla sua prima moglie e dai suoi tre figli.

Guarda anche 

Tempestava l'ospedale e la polizia di telefonate, dovrà rimanere in carcere

Dovrà restare in carcere la telefonatrice seriale del canton Vaud. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della donna, arrestata nel febbraio scorso dopo che...
27.11.2020
Svizzera

Espulso dopo 21 condanne, cinque figli e mezzo milione di debiti

Avrebbe dovuto lasciare la Svizzera nel 2002, quando la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma non l’ha fatto. Ora però, dopo diciott’anni, c...
25.11.2020
Svizzera

Aveva rubato capre e galline per salvarli dal macello, dovrà pagare più di 10'000 franchi tra multe e risarcimenti

Aveva rubato delle galline e delle capre per salvarle dal macello. Un'attivista animalista è stata condannata giovedì a una multa di 100 aliquote giorna...
20.11.2020
Svizzera

Assistito espulso dopo aver incassato 230'000 franchi

Dopo aver percepito prestazioni assistenziali per 229'138.85 franchi, un cittadino turco dovrà ora lasciare la Svizzera. Lo ha stabilito il Tribunale federale ...
19.11.2020
Svizzera