Svizzera, 29 ottobre 2020

Una moglie anziana in Svizzera, una giovane in patria: espulso

Aveva già una moglie, un figlio e un altro bambino in arrivo in Macedonia quando è convolato a nozze con una cittadina svizzera di 22 anni più anziana di lui. In precedenza l’aveva vista solo due volte e non riusciva a comunicare con lei, non parlando nessuna lingua in comune. Ma, si sa, a volte l’amore può essere cieco.
 
Così per diversi anni il cittadino macedone è riuscito a condurre una vita parallela. Durante le vacanze con la sua famiglia macedone, arricchita in seguito da un terzo figlio, durante il resto dell’anno con la moglie svizzera. O meglio, non lontano dalla moglie svizzera, visto che la coppia non aveva dormito insieme nemmeno nella prima notte di nozze e si era limitata a convivere giusto quanto bastava per ottenere e rinnovare il permesso di soggiorno.
 
L’inganno è però stato scoperto
al momento in cui la moglie svizzera, oggi 65enne, ha chiesto e ottenuto il divorzio dal marito, 43enne. Allora la Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) ha negato al cittadino macedone il rinnovo del permesso di soggiorno. Lui si è opposto al Tribunale amministrativo federale (TAF) ed è in questa sede che è emerso la doppia vita condotta dall’uomo. I giudici hanno evidenziato che egli aveva sposato la cittadina svizzera solamente per ottenere il permesso. Si era trattato dunque di un matrimonio fittizio, ciò che non gli consente di pretendere di prolungare il proprio soggiorno in Svizzera. Una tesi confermata anche dal Tribunale federale (TF), che in data odierna ha pubblicato la sentenza con la quale viene definitivamente pronunciato il rinvio dalla Svizzera del cittadino macedone, che dovrà quindi tornare dalla sua prima moglie e dai suoi tre figli.

Guarda anche 

Espulsi dalla Svizzera i tre giocatori che picchiarono un arbitro

Cartellino rosso per i tre giocatori kosovari del FC Tordoya che nel 2018 aggredirono brutalmente un arbitro, durante una partita di quinta lega al centro sportivo di Eva...
15.04.2021
Svizzera

Tre calciatori rischiano l'espulsione dalla Svizzera per aver picchiato un arbitro

Sarà resa nota domani, giovedì, la sentenza nei confronti di tre cittadini kosovari processati questa settimana a Ginevra per rispondere della brutale aggre...
14.04.2021
Svizzera

Ha spacciato tutta la vita: ora che è in pensione non può tornare dalla moglie in Ticino

Sua moglie vive in Ticino con un permesso C. Lui, appena uscito dal carcere in Italia e fresco di pensionamento, avrebbe voluto tornare da lei. Ma sarà lei a dover...
14.04.2021
Ticino

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino