Svizzera, 18 ottobre 2020

Ueli Maurer critica l'allarmismo causato dall'aumento dei casi, "non bisogna cedere all'isteria"

Di fronte al rapido aumento del numero di casi di Covid-19, Ueli Maurer invita a non cedere all'isteria. Ciò che serve è piuttosto un'analisi basata sui fatti, ha sostenuto il Consigliere federale sabato in un'intervista con lo Schweiz am Wochenende.

Secondo Maurer, un rafforzamento generale delle misure non è opportuno. "Non è accettabile chiudere nuovamente le scuole e rinchiudere le persone. Dobbiamo imparare a convivere con il virus - con un'attuazione coerente delle misure". Ma dobbiamo essere in grado di vivere!", sottolinea il ministro delle finanze.

Maurer chiede inoltre che non ci si concentri solo sull'evoluzione del numero di nuovi casi. Anche i ricoveri in ospedale e i decessi devono essere presi in considerazione, spiega. Solo poche persone sono state ricoverate in ospedale proprio a causa della Covid-19. Nella maggior parte dei casi di ricovero, i pazienti hanno patologie preesistenti,
aggiunge.

La Svizzera finora non ha gestito male la crisi del coronavirus, osserva, "il Paese ha trovato la sua strada. È importante continuare su questa strada e riequilibrarla ancora e ancora", aggiunge lo zurighese, che sottolinea che la pandemia è già stata costosa.

Quest'anno i conti della Confederazione chiuderanno con un disavanzo ordinario di 3 miliardi di franchi invece dell'eccedenza prevista di 300 milioni. Secondo le proiezioni, anche le spese straordinarie dovrebbero raggiungere circa 17,8 miliardi di franchi, afferma Maurer.

Attualmente, il costo totale della pandemia si aggira tra i 25 e i 30 miliardi di franchi. Il ministro delle finanze ha confermato le precedenti dichiarazioni che non ci saranno aumenti delle tasse o piani di risparmio. Grazie alla buona salute delle finanze federali, la Svizzera potrà ridurre il suo debito supplementare senza dover ricorrere a tali misure.

Guarda anche 

Sessant'anni fa quando in Europa imperversava il "caldo africano"

Allarmi canicola, allarmi incendi, allarmi siccità, raccomandazioni da ogni parte su come fronteggiare il caldo. L'incessante copertura mediatica delle temp...
20.07.2022
Mondo

Dopo quasi due mesi, a Shanghai si comincia ad allentare il lockdown

Martedì le autorità di Shanghai hanno dichiarato di aver "sconfitto" il coronavirus e che non sono stati trovati nuovi casi positivi (escluse le s...
26.05.2022
Mondo

Shangai: Dopo le proteste della popolazione il governo allegerisce le misure

Shanghai è sotto stretta sorveglianza dal primo aprile a causa di una recrudescenza dei casi di Covid-19, rendendo difficile per i suoi 25 milioni di abitanti l...
07.04.2022
Mondo

Dal primo aprile fine delle misure anti-Covid

La decisione era nell'aria e poco fa è arrivata la conferma dal Consiglio federale: a partire da venerdì primo aprile cadono le ultimi restrizioni an...
30.03.2022
Svizzera