Svizzera, 13 ottobre 2020

Zugo cantone più attrattivo per le aziende, Ticino in fondo alla classifica

Il canton Zugo è tornato in cima alla classifica dei cantoni svizzeri più attrattivi per le aziende scalzando così Basilea Città. Ticino e Grigioni invece continuano a rimanere fra quelli meno attrattivi, arrivando al 23esimo e rispettivamente 24esimo posto. Questo stando ad uno studio effettuato da Credit Suisse sulla qualità della localizzazione delle varie regioni nell’ottica delle imprese.

"Il potenziale economico a lungo termine dei cantoni è determinato in gran parte dalle condizioni quadro per le società" si legge nello studio di CS pubblicato oggi, studio che tiene conto di vari parametri quali l'imposizione fiscale sia per le persone giuridiche che per quelle fisiche oltre che la disponibilità di personale qualificato e l'accessibilità (strade, mezzi pubblici, collegamenti aerei).

Il canton Zugo è sempre stato è stato sempre in cima alla classifica fin dall’inizio dell’analisi nel 1997 ad eccezione dell’anno scorso quando il primato lo ha avuto Basilea Città. Il cantone della Svizzera centrale è tornato in vetta grazie alla riduzione delle imposte sugli utili societari, vantando un IQL di 2,10, contro il 2,06 di Basilea città e l’1,23 di Zurigo. Al quarto rango si trova Ginevra, che ha guadagnato 10 posti rispetto al 2019, seguito da Argovia, Svitto, Nidvaldo e Lucerna.

Come detto, il Ticino rimane ai ranghi bassi della graduatoria (23esimo con un IQL di -1,00: perde una posizione) seguito da Grigioni (24sesimo, -1,17, rango invariato), Giura e Vallese. Va peraltro sottolineato come per i cantoni più grandi ed eterogenei - come Berna, Vaud, Ticino o Grigioni - i ricercatori ritengano insufficiente l’analisi a livello cantonale e offrano anche valutazioni regionali. Ad esempio a sud della Alpi le regioni di Lugano e di Mendrisio hanno un punteggio superiore al resto del cantone.

Guarda anche 

Il New York Times accusa la Svizzera di razzismo nella vicenda Thiam, "per loro non era abbastanza svizzero"

La partenza di Tidjane Thiam dalla direzione del Credit Suisse più di sei mesi fa, dopo lo scandalo che ha coinvolto diversi suoi stretti collaboratori (vedi artic...
07.10.2020
Svizzera

Verso una maxi-fusione tra UBS e Credit suisse? "Fino a 15'000 posti di lavoro a rischio"

Le banche svizzere UBS e Credit Suisse sarebbero in trattativa per una maxi-fusione delle due fra le maggiori banche elvetiche. A rivelarlo è il blog specializzato...
14.09.2020
Svizzera

La pandemia è stata una manna per i miliardari

Se la pandemia in corso ha portato con sé miseria e privazioni a milioni di persone e a governi e enti pubblici debiti e costi astronomici, non tutti stanno soffre...
24.08.2020
Mondo

Manor taglia quasi 500 posti di lavoro

Manor e le società da lei controllate taglieranno un totale di 476 posti di lavoro, circa il 5% della forza lavoro attuale, nell'ambito di una "trasformaz...
17.08.2020
Svizzera