Svizzera, 07 ottobre 2020

Milionari nel loro paese ma indigenti e in assistenza in Svizzera, condannati

Sono in possesso di un patrimonio milionario in immobili e conti correnti detenuti in Tunisia o intestati in Svizzera a nome dei propri figli ma nonostante questo sono a beneficio dell'assistenza. Una coppia residente nel canton Vaud, cittadino tunisino lui e tedesca lei, hanno ricevuto in dieci anni circa 650'000 franchi di prestazioni sociali. Il marito, ormai settantenne, e sua moglie di un anno più giovane di lui erano stati incarcerati in detenzione preventiva per 114 giorni dopo il loro arresto nell'estate del 2015, arresto avvenuto in seguito a una segnalazione anonima.

Fino ad allora, erano sempre riusciti ad eludere i controlli delle autorità. Il marito, nonostante fosse in assistenza, aveva effettuato 152 viaggi tra la Svizzera e la Tunisia. Ha riportato i veicoli di lusso danneggiati, li ha fatti riparare in Europa e li ha riesportati. Questa attività, abbinata a trasferimenti di denaro per conto di terzi, ha generato un reddito di quasi 400.000 franchi all'anno, secondo i suoi meticolosi conti.

Durante questo periodo, la coppia ha dichiarato un reddito zero, richiedendo tutti le prestazioni statali possibili: AVS supplementare, assicurazione sanitaria, reddito complementare, ecc. Al raggiungimento dell'età pensionabile, hanno incassato gli averi della previdenza professionale. Quando non era in conti non dichiarati, il denaro era nascosto in casseforti o altri nascondigli.
Le 18 pagine dell'atto d'accusa menzionano solo importi a sei cifre in varie valute. La settimana scorsa, davanti al tribunale di Vevey, il procuratore Sébastien Fetter ha avanzato le accuse di frode professionali e riciclaggio di denaro.

La buona notizia è che, diversamente a quanto successo in casi simili, le somme sottratte non sono svanite. Il canton Vaud ha potuto recuperare 570'266 franchi e parte della rendita AVS equivalente a 94'229 franchi. Accordandosi con le autorità, l'autore della truffa è così sfuggito a una pena molto più pesante. Il procuratore aveva chiesto 3 anni di carcere, di cui 1 anno di cui un anno da scontare e 9 mesi di carcere sospesi per 3 anni contro la sua ormai ex moglie. Alla fine è stato condannato a 30 mesi di carcere, di cui 10 mesi da scontare e 20 mesi sospesi per tre anni. La sua ex moglie è stata invece condannata a 9 mesi con la condizionale per due anni. Inoltre, i due dovranno rimborsare 38'272 franchi di spese processuali.

Guarda anche 

Espulso dopo aver incassato 261'690 franchi di aiuti sociali

Un cittadino francese che durante gli ultimi dieci anni non ha né lavorato né cercato lavoro dovrà lasciare la Svizzera, insieme alla compagna algeri...
28.10.2020
Ticino

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

In migliaia a Parigi per ricordare il docente ucciso da un rifugiato musulmano

Migliaia di persone si sono riunite a Parigi domenica pomeriggio per una manifestazione di solidarietà per il brutale assassinio di un insegnante per mano di un ri...
19.10.2020
Mondo