Svizzera, 30 settembre 2020

Condannato a sei anni di carcere per aver ucciso la moglie con un calzascarpe

Un cittadino kosovaro di 67 anni è stato condannato martedì a sei anni e mezzo di carcere per aver ucciso la moglie con un calzascarpe. È stato condannato per omicidio passionale dal tribunale distrettuale di San Gallo e una volta scontata la pena sarà espulso dal territorio svizzero per sette anni.

L'uomo, oggi in pensione, era arrivato in Svizzera nel 1974 e lavorava come operaio edile. La sua famiglia lo raggiunse un po' più tardi.

Il padre era stato descritto dai suoi cinque figli come un uomo "calmo, gentile, paziente e comprensivo" ma una volta che l'ultimo figlio lasciò la casa nel 2017, il rapporto di coppia si sarebbe deteriorato con la moglie che avrebbe cominciato a insultare il marito sempre più spesso.

L'imputato sostiene di essere rimasto calmo ad ogni provocazione sperando che gli insulti cessassero, ha detto durante l'udienza. Tuttavia, il Venerdì Santo 2019, dopo un altro giro di insulti da parte della moglie, ha perso completamente il controllo. Dopo aver afferrato un calzascarpe di metallo di 56 centimetri l'ha colpita 20 o 30 volte. La donna non ha sopravvissuto alle sue ferite.

L'uomo ha chiamato la polizia e non ha opposto alcuna resistenza al momento dell'arresto e non ha mai negato i fatti. Non voleva uccidere sua moglie, ha spiegato. Non sa cosa gli passava per la testa.

Il pubblico ministero ha parlato di un evidente atto di passione, scatenato dalle ripetute provocazioni e dagli insulti della moglie. Ha chiesto una condanna a sette anni di carcere. La difesa ha chiesto una sospensione condizionale della pena di due anni e ha anche chiesto di evitare l'espulsione dalla Svizzera.

Il tribunale ha tuttavia seguito il ragionamento dell'accusa. I giudici hanno deciso di espellere l'imputato dalla Svizzera. Dopo 46 anni nel paese, non era completamente integrato e parlava ancora male il tedesco, hanno detto i giudici per motivare l'espulsione del 67enne.

Guarda anche 

Frontaliere condannato a 30 anni di carcere per aver ucciso una prostituta

Un lavoratore frontaliere francese è stato condannato in appello a 30 anni di carcere per aver ucciso nel 2016 una prostituta rumena a Sullens, nel canton Vaud. La...
25.09.2021
Svizzera

Proprietario di un'agenzia adescava giovani modelli per molestarli, condannato

Il proprietario di un'agenzia di modelli di Zurigo è finito a processo con l'accusa di aver molestato diversi giovani uomini in un periodo di diversi anni....
23.09.2021
Svizzera

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera