Ticino, 24 settembre 2020

No alla CPI sull'ex funzionario DSS. Bignasca: "Scandalizzato"

La Commissione parlamentare d’inchiesta (CPI) sul caso dell’ex funzionario del DSS condannato per coazione sessuale non sarà realtà. È quanto ha deciso oggi il Gran Consiglio con 37 voti favorevoli, 38 contrari e sei astenuti sulla richiesta presentata dai primi firmatari Fiorenzo Dadò e Boris Bignasca.

Il deputato leghista Boris Bignasca si è detto “scandalizzato” dalla bocciatura del plenum. “Il parlamento (su pressione PLR e PS) – scrive su Facebook – ha bocciato con una risicata maggioranza l’istituzione della commissione d’inchiesta riguardo ai fatti di molestie sessuali commessi da un ex funzionario del DSS”.

“Perché – si chiede Bignasca – tanta voglia di insabbiare questi meschini atti?”.

Guarda anche 

"Ogni sindaco trovi due milioni", la proposta di Cossi per risanare il deficit cantonale

Cosa fare per sanare il deficit cantonale che nel 2021 è previsto ammonti a 230 milioni di franchi? Secondo la Conferenza dei sindaci del Malcantone, guidata dal s...
27.10.2020
Ticino

Primo ritrovamento di Vespa velutina in Ticino

Il Dipartimento del territorio (DT) comunica che è stato ritrovato un esemplare di Vespa velutina a Ludiano (Blenio). I primi approfondimenti sembrano indicar...
27.10.2020
Ticino

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, martedì 27 ottobre, si ...
27.10.2020
Ticino

Fiamme a Quartino, tenete chiuse porte e finestre!

La Polizia cantonale comunica che oggi poco prima delle 18.30 è scoppiato un incendio, per cause che l'inchiesta dovrà stabilire, in un garage-carrozzer...
26.10.2020
Ticino