Svizzera, 21 settembre 2020

"Ditte straniere decidono a quali medici vanno indirizzati i pazienti svizzeri?"

In futuro saranno aziende straniere a decidere a quali medici specialisti saranno mandati i pazienti svizzeri? È ciò che teme il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri, che in un'interpellanza trasmessa oggi al Consiglio federale solleva il caso della Cassa malati Assura, la quale a partire dall'anno prossimo intende proporre un modello assicurativo in base al quale a decidere sul medico specialista a cui indirizzare un paziente sarà una ditta con sede a Colonia, in Germania.

Di conseguenza non sarà più il medico di famiglia a mandare direttamente il paziente dallo specialista ma a decidere sarà la summenzionata azienda con sede in Germania. Anche se questo modello assicurativo sarebbe solo un'opzione fra le tante e limitata, almeno per il momento, all'area linguistica germanofona il rischio, secondo Quadri, è che questa proposta faccia strada e si estenda ad altre casse malati e al resto della Svizzera.

Per questo motivo il parlamentare leghista chiede al Consiglio federale chiarimenti su questa pratica, se ne è al corrente e se la approva o se invece opporsi ad una eventuale generalizzazione futura.

Di seguito l'interpellanza integrale inviata da Lorenzo Quadri:


Interpellanza al Consiglio federale

Ditte straniere decidono a quali medici specialisti vanno indirizzati i pazienti svizzeri?


Da fonti di stampa risulta che la cassa malati Assura a partire dall’anno prossimo intende
proporre un modello assicurativo in base al quale a decidere sul medico specialista a cui indirizzare un paziente sarà una ditta con sede a Colonia, in Germania. In sostanza, il medico di famiglia non potrà più mandare direttamente il paziente dallo specialista, ma il dossier dovrà essere inviato alla citata società di Colonia, la quale deciderà.


La proposta ha già suscitato la comprensibile indignazione dell’associazione dei medici di famiglia svizzeri Medix Schweiz. Si suppone che, per motivi linguistici, per ora il “nuovo modello” di Assura verrà applicato nell’area germanofona. E’ tuttavia evidente il rischio che esso venga adottato in tutto il paese e anche da altri assicuratori malattia. In concreto, in futuro potrebbe pertanto accadere che sarà una società italiana a decidere da quale medico specialista mandare un paziente ticinese.


Chiedo pertanto al Consiglio federale:

- Il CF è al corrente del nuovo modello che Assura intende proporre per il 2021? Lo approva?
- A mente del CF, è accettabile che società straniere decidano a quale specialista indirizzare i pazienti
svizzeri, mettendo di fatto “sotto tutela” i medici di famiglia elvetici?
- E’ intenzione del CF opporsi all’introduzione di un tale modello, stante anche il rischio di una sua
generalizzazione futura?

Lorenzo Quadri
Consigliere nazionale
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Imposta preventiva: un Sì che giova a lavoro e gettito

Il prossimo 25 settembre saremo chiamati a votare sull’abolizione dell’imposta preventiva sulle obbligazioni. Non si tratta di una questione che riguarda p...
19.09.2022
Opinioni

"Perchè la Posta delocalizza posti di lavoro qualificati in Portogallo?"

Con un comunicato stampa trasmesso oggi la Posta ha annunciato la sua intenzione di voler aprire un "centro di sviluppo IT" in Portogallo, dove assumerà ...
13.09.2022
Svizzera

"La Convenzione del 1974 sulla fiscalità dei frontalieri va disdetta entro fine anno"

Di fronte ai continui rinvii della firma sul nuovo accordo fiscale con l'Italia l'unica soluzione, per la Svizzera, è di disdire unilateralmente la Conv...
12.09.2022
Svizzera

La Lega lancia un'iniziativa per dedurre i premi di cassa malati dalle imposte

I premi di cassa malati devono poter essere integralmente deducibili dalle imposte. È quanto chiede un'iniziativa presentata oggi dalla Lega dei Ticinesi a ...
31.08.2022
Ticino