Svizzera, 20 settembre 2020

Il suo cane morde il figlio di un politico, lui chiede asilo in Svizzera

Ha detto di essere scappato dal suo paese a causa di un morso. Il giovane, un cittadino afgano, ha spiegato di aver deciso di chiedere asilo politico in Svizzera dopo che il suo cane aveva morso il figlio di un parlamentare. Quest’ultimo, inviperito, avrebbe quindi fatto uccidere il cane e minacciato di riservare la stessa sorte al suo proprietario.
 
Da qui la fuga dall’Afghanistan, che l’ha portato ad arrivare a Chiasso il 21 luglio 2016. Interrogato dai funzionari della SEM, ha in un primo tempo dichiarato di aver lasciato il suo paese “per studiare e alla ricerca di un futuro migliore”. Solo in un secondo tempo ha aggiunto la vicenda del cane e delle minacce di morte ricevute.
 
La Sem, trovando sorprendente che l’uomo non ne avesse parlato già durante la prima audizione, ha ritenuto il suo racconto inverosimile e, nel luglio 2018, ha quindi respinto la sua domanda d’asilo. Il cittadino afgano ha però presentato un ricorso al Tribunale amministrativo federale, che l’ha evaso solo due anni dopo. Un periodo durante il quale il giovane è rimasto in Ticino in attesa di conoscere il suo destino.
 
Un destino che avverrà a casa sua. Il TAF ha infatti ritenuto che la SEM abbia avuto tutte le ragioni di non credere al racconto dell’uomo. E ha evidenziato che la città da cui proviene il cittadino afgano “è tra le più stabili e sicure del paese”. Un suo rimpatrio, dunque, “non costituirebbe una violazione degli impegni di diritto publico della Svizzera”.
 
I giudici hanno quindi deciso che il giovane dovrà tornare in Afghanistan, non appena la situazione sanitaria lo permetterà.

Guarda anche 

Espulso dopo aver incassato 261'690 franchi di aiuti sociali

Un cittadino francese che durante gli ultimi dieci anni non ha né lavorato né cercato lavoro dovrà lasciare la Svizzera, insieme alla compagna algeri...
28.10.2020
Svizzera

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera