Svizzera, 08 settembre 2020

La Comco apre un'inchiesta per un sospetto cartello nel commercio al dettaglio

Diverse società di vendita all'ingrosso e al dettaglio, tra cui Markant, sono nel mirino della Commissione della concorrenza (Comco) per un sospetto cartello. La Comco ha quindi avviato un'indagine per determinare se sono state adottate misure restrittive della concorrenza nei confronti dei fornitori.

Al centro dell'indagine sono le attività di Markant Handels- und Industriewaren-Vermittlungs AG, un'azienda che offre i suoi servizi di fatturazione per facilitare le transazioni tra le aziende al dettaglio e all'ingrosso e i loro fornitori, ha detto la Comco in un comunicato. Tuttavia, diversi grossisti e dettaglianti sono sospettati di aver concordato insieme di far eseguire la transazione ai loro fornitori attraverso la società Markant.

Sono coinvolte circa 15 società commerciali, ha detto Frank Stüssi, vice direttore della Comco, tra cui Landi, Loeb, Manor, Spar, Valora e Volg. L'azienda specializzata in snack Cruspi, che commercializza tra l'altro i marchi Haribo, Maoam e Ritter Sport e la filiale di Migros Saviva.

Contestata dalla Comco è la sospetta pratica di trasferire dei costi a marchi associati. "I diritti che i fornitori avrebbero dovuto pagare a Markant sono state probabilmente in parte trasferiti ai negozi partner", sospetta la Comco.

Più concretamente, se i fornitori interessati non erano disposti a utilizzare Markant per le loro transazioni, i loro prodotti rischiavano di essere ritirati dagli scaffali. Diverse ricerche sono già state effettuate nell'ambito dell'indagine, ha detto la Comco, senza specificare esattamente dove.

Potrebbero volerci fino a due anni prima che la Comco giunga a una conclusione, ha detto Stüssi. Il periodo dipenderà dalla complessità del caso, dal numero di aziende coinvolte e dalla loro disponibilità a collaborare.

Una portavoce della Volg, citato da “20 minuten”, ha confermato che la ricerca è stata effettuata il primo, quando l'azienda ha pubblicato la sua "sorpresa". Anche un portavoce di Manor ha reagito: "In questa fase iniziale dell'indagine, non siamo in grado di fare commenti su questa procedura in corso, ma abbiamo assicurato alle autorità la nostra piena collaborazione.

Da parte sua, Promarca ha accolto con favore l'apertura dell'indagine: "Siamo in attesa che il sistema Markant venga finalmente analizzato dal punto di vista del diritto della concorrenza, che i fornitori non siano più costretti a utilizzare Markant e che i compensi e le tariffe siano adeguati al principio del servizio in cambio delle prestazioni", afferma il suo amministratore delegato Anastasia Li-Treyer, su richiesta di AWP. Inoltre, le minacce di togliere dei prodotti dei fornitori dovrebbero essere dichiarate illegali, aggiunge.

I due maggiori dettaglianti della Svizzera, Migros e Coop, non fanno parte del sistema Markant, ma Coop aveva previsto di aderirvi nel gennaio 2021. L'organizzazione ombrello ora spera che il rivenditore faccia marcia indietro, poiché ciò avrebbe un impatto considerevole su molti dei suoi fornitori.

Guarda anche 

Si fa rubare 26'000 franchi da due falsi poliziotti

Venerdì pomeriggio, una donna che vive a Sciaffusa ha ricevuto una telefonata da un presunto agente di polizia. Il poliziotto le disse che sua figlia era stata coi...
16.01.2022
Svizzera

Gobbi sulla pandemia: "Speriamo che Omicron..."

Due anni fa, era gennaio 2020, il DSS e il DI iniziarono a parlare di una possibile pandemia. Stava iniziando a farsi largo il Covid: nessuno avrebbe immaginato che ...
16.01.2022
Svizzera

In assistenza e senza fissa dimora, dopo 36 condanne rischia l'espulsione

Un cittadino tedesco di 40 anni rischia l'espulsione dalla Svizzera dopo aver aggredito e derubato una donna nel 2020. L'uomo, al beneficio dell'assistenza so...
16.01.2022
Svizzera

Il cane "Kantos" fa arrestare cinque ladri

Cinque uomini – nessuno dei quali con residenza in Svizzera – sono stati arrestati tra ieri e oggi nel canton Argovia, in parte grazie a un cane.   Ven...
15.01.2022
Svizzera