Svizzera, 07 settembre 2020

Sostiene di vivere nel terrore a causa del marito ma il tribunale non le crede

Una donna kosovara residente nel canton Vaud ha denunciato il marito per presunti maltrattamenti, ma il giudice del tribunale di prima istanza non le ha creduto.

"Questo è successo a porte chiuse. È la versione di un uomo contro l'altro". Così un procuratore del canton Vaud ha giustificato la sua decisione di respingere la denuncia di una donna kosovara, che sostiene di vivere nel terrore da quando è arrivata in Svizzera dal 2012 dopo un matrimonio combinato con un connazionale, che viveva qui con i suoi figli. Fin dall'inizio, la donna sarebbe stata oggetto di violenza. Il marito l'avrebbe addirittura stata presa a calci quando era incinta, il che ha causato un aborto spontaneo. In un'altra occasione, l'uomo le avrebbe infilato una forchetta nel braccio perché aveva svegliato i suoi figli facendo cadere un piatto.

Mentre la famiglia era in Kosovo, il marito avrebbe confiscato i documenti della moglie e della figlia per constringerle a rimanere nel loro paese d'origine dove sarebbero state sterilizzate. Infine, avrebbe minacciato di uccidere lei e la sua famiglia e la donna sarebbe stata regolarmente picchiata, insultata e costretta ad avere rapporti sessuali. Le era proibito di parlarne e non potva uscire da sola e regolarmente era stata costretta ad andare in Kosovo.

Tuttavia, il magistrato ha visto contraddizioni nel racconto della donna e una mancanza di prove mediche e così,non solo ha chiuso il caso, ma ha anche concesso 10'000 franchi al marito per pagare l'avvocato, che era stato nominato dal tribunale. Quando è stato presentato un ricorso, il tribunale cantonale era più curioso di far luce sul caso e ha quindi chiesto alla Procura di riaprire il caso.

Guarda anche 

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Condannati per una partita di calcio in violazione delle regole covid

Un partecipante ad una partita di calcio, tenutasi il 21 maggio 2020 a Losanna, è stato appena condannato per aver violato le regole anti-covid. In precedenza, alt...
12.09.2021
Svizzera

Docente dà uno schiaffo a un alunno che teneva la porta dell'aula chiusa, i genitori sporgono denuncia

Un alunno di 14 anni di una scuola media di Grenoble (VD) ha preso una sschiaffo dal suo insegnante giovedì scorso per aver impedito a un compagno di classe di las...
11.09.2021
Svizzera

Il suo appartamento sta per essere messo in vendita, si dà fuoco quando arrivano i funzionari del comune

Una cittadina francese di 56 anni è deceduta ieri mattina a Lutry, nel canton Vaud, dopo essersi data fuoco all'arrivo di funzionari comunali accompagnati da a...
03.09.2021
Svizzera