Svizzera, 07 settembre 2020

Sostiene di vivere nel terrore a causa del marito ma il tribunale non le crede

Una donna kosovara residente nel canton Vaud ha denunciato il marito per presunti maltrattamenti, ma il giudice del tribunale di prima istanza non le ha creduto.

"Questo è successo a porte chiuse. È la versione di un uomo contro l'altro". Così un procuratore del canton Vaud ha giustificato la sua decisione di respingere la denuncia di una donna kosovara, che sostiene di vivere nel terrore da quando è arrivata in Svizzera dal 2012 dopo un matrimonio combinato con un connazionale, che viveva qui con i suoi figli. Fin dall'inizio, la donna sarebbe stata oggetto di violenza. Il marito l'avrebbe addirittura stata presa a calci quando era incinta, il che ha causato un aborto spontaneo. In un'altra occasione, l'uomo le avrebbe infilato una forchetta nel braccio perché aveva svegliato i suoi figli facendo cadere un piatto.

Mentre la famiglia era in Kosovo, il marito avrebbe confiscato i documenti della moglie e della figlia per constringerle a rimanere nel loro paese d'origine dove sarebbero state sterilizzate. Infine, avrebbe minacciato di uccidere lei e la sua famiglia e la donna sarebbe stata regolarmente picchiata, insultata e costretta ad avere rapporti sessuali. Le era proibito di parlarne e non potva uscire da sola e regolarmente era stata costretta ad andare in Kosovo.

Tuttavia, il magistrato ha visto contraddizioni nel racconto della donna e una mancanza di prove mediche e così,non solo ha chiuso il caso, ma ha anche concesso 10'000 franchi al marito per pagare l'avvocato, che era stato nominato dal tribunale. Quando è stato presentato un ricorso, il tribunale cantonale era più curioso di far luce sul caso e ha quindi chiesto alla Procura di riaprire il caso.

Guarda anche 

Condannati gli attivisti pro clima che avevano occupato una filiale del Credit Suisse

I dodici attivisti pro clima che avevano occupato una succursale del Credit Suisse nel 2018 e che erano stati assolti nel processo di primo grado lo scorso gennaio sono f...
25.09.2020
Svizzera

L'accoltellamento di Morges era un attentato terroristico, "vendetta contro lo Stato svizzero"

L'autore presunto dell'accoltellamento di Morges (vedi articoli correlati) era sotto osservazione dalla polizia federale per possibili legami con il terrorismo is...
17.09.2020
Svizzera

Un uomo pugnalato a morte a Morges, arrestato il presunto autore

Un uomo è stato accoltellato a morte sabato sera in un ristorante di Morges, nel canton Vaud. Il presunto aggressore, che aveva fatto perdere le sue tracce, &egrav...
13.09.2020
Svizzera

Fatturava milioni quando era in vacanza o in malattia, medico condannato e espulso per truffa alle casse malati

Il Tribunale penale dell'Est vaudois ha condannato lunedì un medico francese di origine siriana residente a Vevey (Vaud) a tre anni di carcere, la metà ...
01.09.2020
Svizzera