Mondo, 03 settembre 2020

Australia, donna incinta arrestata per aver organizzato una protesta anti-coronavirus

La polizia australia è al centro delle critiche per aver aver arrestato una madre incinta in attesa aver organizzato una protesta contro le misure di contentimento del Covid-19 nello stato di Victoria.

Come si vede in un video che circola sulla rete (vedere sotto), la polizia di Victoria è entrata in casa della donna all'inizio della giornata, presentando un mandato di perquisizione e accusandola di "incitamento" - apparentemente per aver pubblicato un messaggio su Facebook in cui annunciava di voler organizzare una manifestazione – con tanto di distanza sociale - contro le misure di quarantena imposte nello stato.

Il video della ventottenne - vestita in pigiama e visibilmente colta alla sprovvista dall'intrusione della polizia - sono stati ampiamente condivisi sui social media. Uno degli agenti dice alla dona che ha infranto la legge "in relazione a un post su Facebook [e] in relazione alla protesta", mentre un altro le mette le manette.

"Davanti ai miei figli", contesta la malcapitata, aggiungendo: "Sono felice di cancellare il post, è ridicolo". La donna supplica anche l'agente di lasciarle fare l'ecografia per cui aveva appuntamento (“tra un'ora” sostiene) ma i poliziotti non cedono.


Chi ha visto e condiviso il video sembrava stupito dal motivo dell'arresto della ventottenne. Alcuni utenti in rete si dicono infuriati definendo l'agire della polizia "fascismo in piena regola in Australia", mentre altri si sono riferiti a narrazioni orwelliane.

"La libertà di parola è morta in Australia", ha detto un utenti, definendo gli agenti una "unità di polizia del pensiero". 

Con il passare del tempo, i media locali hanno suggerito che la donna stesse organizzando una manifestazione di protesta per la "Giornata della libertà" su Facebook, prevista per sabato. Ora, dovrà essere processata alla Corte dei Magistrati di Ballarat nel gennaio del prossimo anno.

Per la cronaca, le misure decise dallo stato di Victoria per contenere la diffusione del coronavirus prevedono un coprifuoco notturno mentre durante il giorno, i residenti possono uscire solo per fare acquisti nel negozio più vicino a casa, fare esercizio fisico, lavorare o vedere un medico.


Guarda anche 

Il Covid ci mette lo zampino: annullata la Spengler

DAVOS – Niente da fare, la Coppa Spengler alza bandiera bianca. Il tradizionale appuntamento con l’hockey natalizio, che attira l’attenzione degli amant...
29.09.2020
Sport

In più di 1000 sugli spalti: ecco come sarà

RIVERA – La fatidica data dell’1 ottobre è dietro l’angolo e con essa la ripresa del campionato di hockey e l’aumento potenziale dei tifosi...
28.09.2020
Sport

Covid sul ghiaccio: sospesa l’amichevole dei Rockets

BIASCA - Un caso di Covid-19 ferma i Ticino Rockets: l’esito del tampone è giunto mentre i biaschesi erano in pista in amichevole contro l’EVZ Academy....
17.09.2020
Sport

Bufera sul calcio: via libera a schierare giocatori positivi

ASUNCION (Paraguay) – Una decisione clamorosa che non può che far discutere: mentre gli stadi restano per la maggior parte chiusi, o vengono riaperti sono in...
18.09.2020
Sport