Mondo, 30 agosto 2020

Scontri e disordini in Svezia per un corano bruciato per strada

Scontri e disordini sono scoppiati venerdì sera a Malmö, terza città della Svezia, quando una manifestazione organizzata da un gruppo politico che si oppone all'islam è degenerata.

Il leader del gruppo, tale Rasmus Paludan è a capo di "Stram Kurs" ("Linea dura"), è un cittadino danese a cui era già stato vietato di recarsi nel paese scandinavo. Nonostante il divieto, Paludan ha cercato di recarsi comunque a Malmö ma una volta arrivato è stato arrestato.  I militanti di “Stram Kurs, una volta informati che la loro manifestazione era stata annullata e Paludan arrestato, hanno quindi inscenato una protesta nella quale hanno bruciato e preso a calci copie del Corano. Città con un importante componente musulmana, alle azioni dei militanti di Stram Kurs hanno risposto migliaia di musulmani residenti nella città.

"Circa 300 persone sono in viaggio", ha detto la polizia locale poco prima di mezzanotte sul loro sito web, riferendosi ai manifestanti di Stram Kurs. Secondo i media locali, i primi incidenti sono scoppiati la sera presto nella terza città del regno nordico, prima di degenerare intorno alle 21.00, ora locale.

Durante gli scontri sono stati lanciati oggetti contro la polizia e dato fuoco a veicoli e gomme, azioni "legate al fatto che un Corano è stato bruciato nella zona all'inizio della giornata", secondo il portavoce
della polizia Rickard Lundqvist, citato dal tabloid "Expressen".

"Sospettiamo che Paludan" commetterà un crimine in Svezia. C'è anche il rischio che il suo comportamento costituisca (...) una minaccia per gli interessi fondamentali della società", ha detto all'agenzia stampa AFP il portavoce della polizia di Malmö,

Secondo Persson, il leader di Strum Kurs aveva chiesto in precedenza un permesso, che gli è però stato rifiutato con la motivazione che "né la sua sicurezza né quella dei passanti o dei controdimostranti" avrebbero potuto essere garantite. Paludan ha detto di aver tentato di raggiungere la città svedese, ma è stato arrestato a Lernacken, vicino a Malmö, "Il fatto che abbia violato il divieto di viaggiare in Svezia" è di per sé un motivo di espulsione, ha detto Persson.

Rasmus Paludan, dal canto suo, ha reagito su Facebook: "Espulso con un divieto di ingresso dalla Svezia per due anni. Tuttavia, stupratori e assassini sono sempre i benvenuti", un messaggio seguito da tre emoticon che piangono dalle risate. Rasmus Paludan, avvocato e youtubeur, organizza regolarmente manifestazioni con una manciata di persone per esprimere la sua opposizione all'immigrazione e a quella che considera l'islamizzazione della società. Nel 2019, aveva bruciato un Corano avvolto da pancetta.

Guarda anche 

Dei Consiglieri nazionali vogliono vietare il velo islamico nelle scuole svizzere

La consigliera nazionale Marianne Binder (Centro/AG) vuole vietare il velo nelle scuole, una misura sostenuta da altri parlamentari. Vedono il velo come una discrimina...
27.12.2022
Svizzera

Gli iraniani residenti in Svizzera sottostanno al diritto famigliare dell'Iran

In Svizzera, i cittadini iraniani sono soggetti al diritto di famiglia della Repubblica islamica. Come riporta la "NZZ am Sonntag", i giudici svizzeri devono...
28.11.2022
Svizzera

Lo strabismo delle femministe rossoverdi

In Svizzera le donne hanno scioperato per protestare contro le discriminazioni di ogni genere che subiscono nel mondo del lavoro, e per chiedere parità di diritti ...
11.10.2022
Opinioni

Migliaia di inglesi protestano a Londra contro l'inflazione

Migliaia di britannici sono scesi in piazza sabato per protestare contro la crisi del costo della vita. "Sostenete gli scioperi", "Bloccate i prezzi, non l...
02.10.2022
Mondo