Mondo, 30 agosto 2020

Scontri e disordini in Svezia per un corano bruciato per strada

Scontri e disordini sono scoppiati venerdì sera a Malmö, terza città della Svezia, quando una manifestazione organizzata da un gruppo politico che si oppone all'islam è degenerata.


Il leader del gruppo, tale Rasmus Paludan è a capo di "Stram Kurs" ("Linea dura"), è un cittadino danese a cui era già stato vietato di recarsi nel paese scandinavo. Nonostante il divieto, Paludan ha cercato di recarsi comunque a Malmö ma una volta arrivato è stato arrestato.  I militanti di “Stram Kurs, una volta informati che la loro manifestazione era stata annullata e Paludan arrestato, hanno quindi inscenato una protesta nella quale hanno bruciato e preso a calci copie del Corano. Città con un importante componente musulmana, alle azioni dei militanti di Stram Kurs hanno risposto migliaia di musulmani residenti nella città.

"Circa 300 persone sono in viaggio", ha detto la polizia locale poco prima di mezzanotte sul loro sito web, riferendosi ai manifestanti di Stram Kurs. Secondo i media locali, i primi incidenti sono scoppiati la sera presto nella terza città del regno nordico, prima di degenerare intorno alle 21.00, ora locale.

Durante gli scontri sono stati lanciati oggetti contro la polizia e dato fuoco a veicoli e gomme, azioni "legate al fatto che un Corano è stato bruciato nella zona all'inizio della giornata", secondo
il portavoce della polizia Rickard Lundqvist, citato dal tabloid "Expressen".

"Sospettiamo che Paludan)commetterà un crimine in Svezia. C'è anche il rischio che il suo comportamento costituisca (...) una minaccia per gli interessi fondamentali della società", ha detto all'agenzia stampa AFP il portavoce della polizia di Malmö,

Secondo Persson, il leader di Strum Kurs aveva chiesto in precedenza un permesso, che gli è però stato rifiutato con la motivazione che "né la sua sicurezza né quella dei passanti o dei controdimostranti" avrebbero potuto essere garantite. Paludan ha detto di aver tentato di raggiungere la città svedese, ma è stato arrestato a Lernacken, vicino a Malmö, "Il fatto che abbia violato il divieto di viaggiare in Svezia" è di per sé un motivo di espulsione, ha detto Persson.

Rasmus Paludan, dal canto suo, ha reagito su Facebook: "Espulso con un divieto di ingresso dalla Svezia per due anni. Tuttavia, stupratori e assassini sono sempre i benvenuti", un messaggio seguito da tre emoticon che piangono dalle risate. Rasmus Paludan, avvocato e youtubeur, organizza regolarmente manifestazioni con una manciata di persone per esprimere la sua opposizione all'immigrazione e a quella che considera l'islamizzazione della società. Nel 2019, aveva bruciato un Corano circondato da pancetta.

Guarda anche 

Aiuti finanziari per una stampa che censura?

In vista della votazione del 13 febbraio sul pacchetto di aiuti finanziari a sostegno dei media, anche la stampa mainstream ticinese sembra essersi accorta dell’imp...
24.01.2022
Svizzera

Quattro attivisti a processo per uno striscione che incita a uccidere Erdogan

Quattro attivisti appartenenti alla sinistra radicale sono accusati di aver esposto uno striscione con la scritta "Kill Erdogan" ("Uccidete Erdogan") ...
18.01.2022
Svizzera

La Svizzera rimpatria i figli di una jihadista partita in Siria

La Svizzera ha rimpatriato due ragazze di 15 e 9 anni dal campo di Roj, nel nord-est della Siria. La loro madre le aveva portate con sè cinque anni fa per unirsi a...
07.12.2021
Svizzera

Sostegno allo Stato islamico, l'"Emiro di Winterthur" se la cava con una pena ridotta

La corte d'appello del Tribunale penale federale di Bellinzona ha condannato il sostenitore dello Stato islamico, soprannominato "l'emiro di Winterthur"...
06.12.2021
Svizzera