Mondo, 21 agosto 2020

Francia, 17enne rasata a zero e picchiata dalla famiglia perchè si era innamorata di un cristiano

La famiglia di una diciassettenne musulmana, proveniente dalla Bosnia ed Erzegovina ma residente a Besançon nella Francia orientale è stata posta in detenzione per aver maltrattato la ragazza. La giovane aveva una relazione con un giovane cristiano di origine serba. Lo riporta il portale francese "L'Est rèpublicain" citando una fonte giudiziaria.

I famigliari della giovane, i genitori, lo zio e la zia saranno posti sotto controllo giudiziario ed è stato loro vietato di contattare l'adolescente. I quattro saranno processati per "violenza contro i minori in presenza di minori e nelle riunioni" entro l'autunno, ha detto il vice procuratore Margaret Parietti..

La ragazza, arrivata dalla Bosnia Erzegovina più di due anni fa con la sua famiglia, aveva avuto una relazione per diversi mesi con un ragazzo di origine serba che viveva nello stesso edificio di Besançon.



"Le due famiglie si conoscevano e (la loro relazione) non era un problema, ma quando i giovani hanno iniziato a parlare di matrimonio, i genitori della ragazza
le hanno detto: 'Siamo musulmani, non sposerai un cristiano'", ha detto Parietti all'agenzia stampa AFP.

La ragazza è stata quindi privata del telefono e le è stato impedito di contattare il suo partner. I due adolescenti hanno poi deciso di fuggire per quattro giorni tenendosi in contatto con i rispettivi genitori.

Al loro ritorno, lunedì scorso, i due si recano nell'appartamento della famiglia dell'adolescente, accompagnati dai genitori del ragazzo.

"Il primo schiaffo l'ha dato la madre, poi c'è stata un'ondata di violenza. E' stata portata in una stanza e brutalmente picchiata. Le sono stati tagliati i capelli, secondo le sue dichiarazioni, da suo zio, fratello del padre, mentre veniva colpita", ha precisato il magistrato, sottolineando che in precedenza la ragazza aveva "60 cm di capelli".

I genitori saranno inoltre processati perchè picchiavano la figlia fin dal loro arrivo in Francia. La giovane ragazza che ha denunciato questi fatti è stata messa "sotto tutela giudiziaria in una struttura adattata", sempre secondo la procura.

Guarda anche 

L'accoltellamento di Morges era un attentato terroristico, "vendetta contro lo Stato svizzero"

L'autore presunto dell'accoltellamento di Morges (vedi articoli correlati) era sotto osservazione dalla polizia federale per possibili legami con il terrorismo is...
17.09.2020
Svizzera

Germania: 80 migranti senza biglietto aggrediscono il controllore, 200 poliziotti devono intervenire

Un gruppo di attivisti di un'organizzazione giovanile curda attiva in Germania sono saliti su un treno per Amburgo senza biglietto. Quando sono arrivati i controllori...
14.09.2020
Mondo

I "Gilets jaunes" tornano in piazza, tra tensioni e divieti

Sono tornati in piazza i militanti del movimento dei "Gilets jaunes" dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Per la loro prima mobilitazione sabato mattina ...
12.09.2020
Mondo

"Il burkini è un simbolo di un’ideologia fascista"

Sono sempre più convinto che gli islamisti attivi in Europa guadagneranno la loro battaglia, e che nel giro di due o tre generazioni una buona parte del nostro Con...
05.09.2020
Ticino