Mondo, 24 luglio 2020

Un tribunale greco condanna due passatori russi a 253 anni di prigione

Un tribunale greco ha condannato due marinai russi a pesanti pene detentive per traffico di migranti illegali. La notizia è stata data dal vicepresidente dell'ufficio russo del Comitato internazionale per i diritti umani Ivan Melnikov al sito "Interfax".

"Konstantin Semyonov e Ivan Voznikovtsev sono stati condannati a 253 anni di carcere ciascuno per aver organizzato l'immigrazione clandestina, il traffico di esseri umani e per aver attraversato illegalmente il confine greco", ha detto martedì Melnikov a Interfax.

La severità della pena è dovuta al fatto che ai due marinai sono stati dati sette o dodici anni ciascuno per ogni migrante, e ce n'erano più di 20 a bordo. Oltre all'immigrazione illegale la pena è stata prolungata per altri reati penali.

I marinai russi si sono dichiarati non colpevoli in tribunale, ha detto Melnikov.

I due russi sostengono di essere arrivati in Turchia per un nuovo lavoro in cui avrebbero dovuto trasportare turisti. "Dopo l'addestramento, i russi sono usciti in mare, ma il loro yacht si è rotto più volte, cosa che hanno riferito al loro datore di lavoro. Il datore di lavoro ha promesso di inviare aiuti in un punto designato, ma invece di una barca con i pezzi di ricambio, sono arrivate altre barche con immigrati clandestini. Il datore di lavoro ha minacciato i marinai di aggredirli fisicamente e i nostri ragazzi sono stati costretti a far salire a bordo i clandestini", ha detto.

Il tribunale greco non ha però creduto alle argomentazioni dei marinai, e l'avvocato nominato dal tribunale non ha parlato con loro, ha detto Melnikov.

"Le famiglie e gli amici dei marinai hanno ora formato una comunità su internet e stanno raccogliendo fondi per l'assistenza legale e altre cose di cui i prigionieri hanno bisogno".

Guarda anche 

Migranti dal medio oriente, quattro paesi dell'est europeo chiedono l'intervento dell'ONU

Quattro paesi dell'Unione europea orientale hanno sollecitato lunedì le Nazioni Unite a prendere provvedimenti contro la Bielorussia per aver "incoraggiat...
23.08.2021
Mondo

Fa pipì sul tappeto dove si insegna il Corano: rischia la pena di morte a 8 anni

RAHIM YAR KHAN (Pakistan) – Nessuna pietà neanche per un bambino di 8 anni con problemi mentali: in Pakistan rischia la pena di morte per blasfemia. Il picco...
12.08.2021
Magazine

Insulti ai cacciatori: condannata Brigitte Bardot

La celebre attrice francese Brigitte Bardot, 86 anni, torna a far parlare di sé, questa volta per la sua famosa fede animalista. Negli anni ’70 fu protagonis...
01.07.2021
Magazine

Carobbio: "I minori migranti siano tali fino a 21 anni e non 18"

La consigliera agli Stati Marina Carobbio (PS) è tornata a far sentire la sua voce in difesa dei migranti. In un’interpellanza presentata questa settimana al...
17.06.2021
Svizzera