Svizzera, 21 luglio 2020

Detenuto muore in cella, un poliziotto accusato di omicidio colposo

Un agente di polizia è accusato di omicidio colposo in relazione alla morte di un cittadino gambiano di 23 anni in una cella della polizia di Losanna nel 2017. L'indagine penale è in corso. Altre udienze si terranno a settembre.

"La domanda è perché questo signore non ha visto la crisi epilettica o perché non ha reagito" ha commentato la procuratrice Ximena Manriquez, . "L'indagine viene condotta nel modo più coscienzioso possibile per confermare o negare eventuali responsabilità penali", ha aggiunto.

Il pubblico ministero ha espresso indignazione per la trasmissione e la pubblicazione da parte della stampa del filmato di videosorveglianza che mostra le ultime ore del giovane nella sua cella. "È un attacco alla dignità della vittima", ha detto.

Il 23enne aveva avuto un attacco epilettico la mattina della sua morte, il 24 ottobre 2017, al centro di polizia di La Blécherette. Soffriva di grave epilessia e veniva curato per questo, ha spiegato Manriquez.

"Nel centro della Blécherette c'è molta confusione e agitazione. Il personale era impegnato a fare il proprio lavoro. Non si può dire che a nessuno importi di questo giovane", ha sottolineato.
/> Occupato ad aiutare nei trasferimenti, l'agente assegnato alla videosorveglianza non ha visto tutti i filmati. Quelli che ha visto non hanno suscitato particolari preoccupazioni, ha riferito.

Secondo Christophe Tafelmacher, avvocato della famiglia della vittima, gli esperti hanno sottolineato che un intervento rapido al momento della crisi avrebbe probabilmente evitato la morte.

In questo caso, sono state coinvolte molte persone di diverse professioni o servizi. "Ognuno fa il suo lavoro abbastanza bene, ma non abbastanza bene, in modo che alla fine una persona muoia nel posto più sicuro del cantone", dice.

Il giovane morto era un richiedente l'asilo ospite del centro di accoglienza (EVAM) a Crissier ed era stato arrestato alla stazione ferroviaria di Losanna per una piccolissima quantità di marijuana in suo possesso. Le guardie di frontiera che lo avevano fermato lo avevano confuso con un omonimo che doveva essere rispedito a Lucerna e poi in Italia.

Il giovane è stato poi ricoverato in ospedale per controlli a causa di un malessere. Al termine del ricovero in ospedale, è stato preso in cura e messo in detenzione nella zona carceraria della polizia cantonale senza essere informato della sua epilessia.

Guarda anche 

Un'intera famiglia a processo per traffico di stupefacenti

Una famiglia di sei cittadini kosovari è accusata di essere coinvolta in un'importante traffico di droga tra il 2014 e il 2018. Durante il primo giorno di udie...
27.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera

Uccide suo padre su un battello e poi si butta dal ponte di un autostrada

Alle 15.20 di mercoledì pomeriggio la polizia sangallese aveva ricevuto una chiamata che segnalava che una barca si era schiantata contro un muro nel porto del ...
23.09.2022
Svizzera

Aveva "rapito" la figlia per poi nascondersi in Svizzera, condannata a 5 anni di carcere in Francia

Una madre francese è stata condannata venerdì a cinque anni di carcere per il rapimento e la mancata presentazione di un bambino e per la denuncia calunnios...
17.09.2022
Mondo