Sport, 21 luglio 2020

“È tempo di sfatare certi miti: il rugby 7, uno sport per tutti”

È nata in Ticino una nuova squadra femminile. Ne abbiamo parlato coi fondatori

LUGANO - Mattia Sacchi, un tempo capo-redattore del Mattinonline e prim’ancora capitano di lungo corso sulle navi mercantili, ha deciso di fondare una squadra femminile di rugby a 7. E in questa singolare avventura, che richiede una buona dose di coraggio, ha imbarcato anche Darshell Benitez, avvenente e simpaticissima ragazza venezuelana nata a Caracas e da vent’anni di stanza nel bel Ticino. Vuol fare l’avvocato, ci dice, e magari un giorno praticare in giro per il mondo.

Un progetto, il loro, mica da ridire: creare da zero una squadra (o addirittura un club) non è semplice come si possa pensare: bisogna trovare dirigenti, campo e soprattutto atlete, l’essenza dello sport, la linfa di questa disciplina anglo-sassone, che si differenza dal football americano e prende le caratteristiche del rugby a 15, del quale è il figlio per così dire adottivo. Gli obiettivi sono chiari e martedì sera chi vorrà cimentarsi dovrà soltanto presentarsi alle 18.45 al campo sportivo di Muzzano, struttura calcistica adattata alla bisogna. Mattia e Darshell si augurano di trovare un buon numero di candidate.

“Per ora – afferma l’allenatore Sacchi – abbiamo una quindicina di giocatrici. Un numero assai interessante e che ci permette di guardare con un certo ottimismo al futuro”. La storia del rugby in Ticino, per altro, è ricca di spunti, anche se ultimamente il movimento si è un po’ adagiato. 

“Non ci sono mezzi finanziari all’altezza, è ancora uno sport praticato a livello amatoriale – dice il giornalista – Manca un management vero e proprio, e ognuno, tanto per farla breve, paga il suo. Il nostro obiettivo è realistico: cominciare da zero e con il tempo farci conoscere ed apprezzare dalla gente, anche da quella che potrebbe investire”. Per il momento, le uniche certezze sono Mattia, Darshell, le ragazze che si sono già annunciate ma soprattutto tanta voglia e tanta passione per questo sport. “Il nome dovrebbe essere Rugby seven Lugano donne. Ma non è ancora stato definito. Del resto è un po’ tutto in divenire. Partiamo e poi vedremo quello che succede”.

Sacchi - che ha giocato nelle giovanili del CUS Genova (quarto posto nel campionato italiano di categoria) – si rende perfettamente conto delle difficoltà a cui andrà incontro. “ Quando si comincia senza certezze è davvero dura. Soprattutto in un contesto come quello del rugby ticinese, in cui si fa veramente fatica a portare avanti delle idee o dei progetti. Eppure questo è uno sport giovane che merita una possibilità di essere seguito. Noi di questo siamo convinti”.

Tanto più che quando si parla di ragazze (o donne) c’è sempre un fastidioso pregiudizio di fondo. Spiega a proposito Darshell: “Questo, contrariamente a quanto si pensa, non è uno sport di pura forza ma richiede velocità e condizione atletica. E soprattutto una grande preparazione mentale. Certo, magari all’inizio c’è qualche timore per i contrasti ma siccome questo sport si basa sul rispetto, ecco che tutto diventa più semplice anche per noi. Gli allenamenti servono per imparare a cadere e per imparare a placcare, il tutto in un ambito di grande sportività”.

Concettti ribaditi anche dal tecnico Mattia Sacchi: “ Bisogna sfatare alcuni miti”. E dice a chiare lettere che “nel rugby non è la parte fisica quella preponderante, non è vero poi che sia pericoloso, s’impara appunto a non farsi male e c’è molto rispetto per l’avversario. E contrariamente a quanto affermano certuni è uno sport anche per donne”. Secondo Sacchi le ragazze hanno un loro modo di giocare il rugby seven e chi è interessato potrà osservarlo quando inizieranno i tornei. “Per il momento non c’è un vero e proprio campionato svizzero. Anche se presto credo che riusciremo ad organizzarlo assieme ad altre squadre della Svizzera Interna. Disputeremo semmai dei tornei in Ticino, durante i quali conteremo di farci valere – afferma la ragazza sudamericana – Per il momento invito possibili giocatrici a venire martedi a Muzzano per il primo allenamento. Di regola ne faremo due alla settimana: l’altro sarà al giovedì”.

A.M.

Guarda anche 

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa

Come consuetudine, la stagione agonistica al fucile 50m della Federazione Ticinese delle Società di Tiro viene inaugurata sul poligono di Torricella-Taverne a cui ...
19.10.2020
Ticino

“Il mio amore per la vela ha radici molto profonde”

LUGANO - L’amore di Andrea Colombo per la radici profonde. Tutto è partito da quando lui frequentava il Ginnasio a Canobbio: aveva 14 anni.Un ...
20.10.2020
Sport

“Futuro tutto da scrivere Certo, la National League…"

BIASCA - È un ragazzo semplice, Loïc Vedova. Figlio di una terra di emigrati e di gente stoica come la Vallemaggia, sin da bambino ha cullato i...
19.10.2020
Sport

Una zona Cesarini che salva il Lugano

VADUZ - Marcis Oss, giocatore lettone cresciuto nello Spartaks e prestato allo Xamax nelle ultime due stagioni, ieri sera ha vestito i pan...
18.10.2020
Sport