Svizzera, 02 luglio 2020

Azienda riceve crediti Covid e lavoro ridotto e subito dopo dichiara fallimento

È finita sui banchi del parlamento vodese la vicenda di un'azienda che, dopo aver chiesto e ottenuto i crediti di emergenza per la pandemia e il lavoro ridotto, ha licenziato tutti i suoi 40 dipendenti e dichiarato fallimento.

Martedì scorso, il Gran Consiglio del canton Vaud ha adottato una risoluzione urgente per chiedere al Consiglio di Stato di esaminare una possibile frode sui prestiti Covid e il lavoro ridotto da parte della società Day Medical e, se necessario, di denunciare queste azioni ai sensi del diritto penale.

Day Medical ha licenziato i suoi circa 40 dipendenti l'11 maggio senza alcuna consultazione con le parti sociali. Lo stesso giorno, la PMI con sede a Avenches attiva nell'analisi medica ha aperto una procedura di fallimento, mentre la società australiana Haemokinesis, che aveva rilevato l'azienda vodese nell'ottobre 2018, ha chiesto ai clienti della Day Medical di pagare le fatture in sospeso su un conto Haemokinesis.

I collaboratori si sono rivolti al pubblico ministero cantonale per chiedere l'adozione di misure volte a evitare che i fondi dell'azienda siano trasferiti altrove, stando a informazioni avanzate da Unia e da "PME Magazine" e ripresi dalla stampa romanda.


Day Medical ha ottenuto un prestito Covid-19 di 250'000 franchi e il pagamento degli stipendi dei dipendenti. "Il fatto che un'azienda riceva un prestito Covid-19 e benefici del lavoro ridotto, mentre allo stesso tempo effettua licenziamenti di massa e avvia una procedura di fallimento, è particolarmente offensivo per noi", ha detto una deputata vodese.

La magistratura si occuperà della questione in modo indipendente, ma la politica ha il suo ruolo da svolgere, hanno detto i sostenitori della risoluzione. "Dobbiamo ricordare la nostra indignazione in questo tipo di casi", ha detto il deputato verde Vassilis Venizelos.

"I prestiti Covid 1 sono una procedura tra l'azienda, la banca e la Confederazione; La mia amministrazione non è parte di questa procedura e quindi non può presentare una denuncia penale", ha dichiarato Philippe Leuba, Consigliere di Stato per gli Affari economici.

Questo non è il caso del lavoro ditto, ha continuato il Ministro. La cassa di disoccupazione cantonale ha già denunciato l'azienda in questione al pubblico ministero per aver fornito informazioni apparentemente false.

"La giustizia farà il suo corso. I fatti ci sembrano abbastanza gravi da far sì che la denuncia sia stata fatta senza aspettare questa risoluzione", ha continuato Leuba.

Il Consiglio di Stato ritiene "scandaloso" questo tipo di comportamento, ha osservato il ministro. Nella votazione, la maggioranza dei deputati ha accettato la risoluzione con 62 sì contro 55 no e quattro astensioni.

Contattata a metà giugno, Day Medical ha fornito una versione diversa dei fatti. Quello che è successo è stato un effetto domino della crisi del coronavirus, aveva spiegato. La chiusura non era nei piani dell'azienda e tutto è stato fatto per pagare gli stipendi dei collaboratori, ha cercato di giustificarsi l'azienda.

Guarda anche 

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Condannati per una partita di calcio in violazione delle regole covid

Un partecipante ad una partita di calcio, tenutasi il 21 maggio 2020 a Losanna, è stato appena condannato per aver violato le regole anti-covid. In precedenza, alt...
12.09.2021
Svizzera

Docente dà uno schiaffo a un alunno che teneva la porta dell'aula chiusa, i genitori sporgono denuncia

Un alunno di 14 anni di una scuola media di Grenoble (VD) ha preso una sschiaffo dal suo insegnante giovedì scorso per aver impedito a un compagno di classe di las...
11.09.2021
Svizzera

Il suo appartamento sta per essere messo in vendita, si dà fuoco quando arrivano i funzionari del comune

Una cittadina francese di 56 anni è deceduta ieri mattina a Lutry, nel canton Vaud, dopo essersi data fuoco all'arrivo di funzionari comunali accompagnati da a...
03.09.2021
Svizzera