Svizzera, 02 luglio 2020

Azienda riceve crediti Covid e lavoro ridotto e subito dopo dichiara fallimento

È finita sui banchi del parlamento vodese la vicenda di un'azienda che, dopo aver chiesto e ottenuto i crediti di emergenza per la pandemia e il lavoro ridotto, ha licenziato tutti i suoi 40 dipendenti e dichiarato fallimento.

Martedì scorso, il Gran Consiglio del canton Vaud ha adottato una risoluzione urgente per chiedere al Consiglio di Stato di esaminare una possibile frode sui prestiti Covid e il lavoro ridotto da parte della società Day Medical e, se necessario, di denunciare queste azioni ai sensi del diritto penale.

Day Medical ha licenziato i suoi circa 40 dipendenti l'11 maggio senza alcuna consultazione con le parti sociali. Lo stesso giorno, la PMI con sede a Avenches attiva nell'analisi medica ha aperto una procedura di fallimento, mentre la società australiana Haemokinesis, che aveva rilevato l'azienda vodese nell'ottobre 2018, ha chiesto ai clienti della Day Medical di pagare le fatture in sospeso su un conto Haemokinesis.

I collaboratori si sono rivolti al pubblico ministero cantonale per chiedere l'adozione di misure volte a evitare che i fondi dell'azienda siano trasferiti altrove, stando a informazioni avanzate da Unia e da "PME Magazine" e ripresi dalla stampa romanda.


Day Medical ha ottenuto un prestito Covid-19 di 250'000 franchi e il pagamento degli stipendi dei dipendenti. "Il fatto che un'azienda riceva un prestito Covid-19 e benefici del lavoro ridotto, mentre allo stesso tempo effettua licenziamenti di massa e avvia una procedura di fallimento, è particolarmente offensivo per noi", ha detto una deputata
vodese.

La magistratura si occuperà della questione in modo indipendente, ma la politica ha il suo ruolo da svolgere, hanno detto i sostenitori della risoluzione. "Dobbiamo ricordare la nostra indignazione in questo tipo di casi", ha detto il deputato verde Vassilis Venizelos.

"I prestiti Covid 1 sono una procedura tra l'azienda, la banca e la Confederazione; La mia amministrazione non è parte di questa procedura e quindi non può presentare una denuncia penale", ha dichiarato Philippe Leuba, Consigliere di Stato per gli Affari economici.

Questo non è il caso del lavoro ditto, ha continuato il Ministro. La cassa di disoccupazione cantonale ha già denunciato l'azienda in questione al pubblico ministero per aver fornito informazioni apparentemente false.

"La giustizia farà il suo corso. I fatti ci sembrano abbastanza gravi da far sì che la denuncia sia stata fatta senza aspettare questa risoluzione", ha continuato Leuba.

Il Consiglio di Stato ritiene "scandaloso" questo tipo di comportamento, ha osservato il ministro. Nella votazione, la maggioranza dei deputati ha accettato la risoluzione con 62 sì contro 55 no e quattro astensioni.

Contattata a metà giugno, Day Medical ha fornito una versione diversa dei fatti. Quello che è successo è stato un effetto domino della crisi del coronavirus, aveva spiegato. La chiusura non era nei piani dell'azienda e tutto è stato fatto per pagare gli stipendi dei collaboratori, ha cercato di giustificarsi l'azienda.

Guarda anche 

Un'intera famiglia a processo per traffico di stupefacenti

Una famiglia di sei cittadini kosovari è accusata di essere coinvolta in un'importante traffico di droga tra il 2014 e il 2018. Durante il primo giorno di udie...
27.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera

Aveva "rapito" la figlia per poi nascondersi in Svizzera, condannata a 5 anni di carcere in Francia

Una madre francese è stata condannata venerdì a cinque anni di carcere per il rapimento e la mancata presentazione di un bambino e per la denuncia calunnios...
17.09.2022
Mondo

Padre condannato a tre anni di carcere per aver maltrattato i suoi figli, ma non sarà espulso (nonostante sia la decima condanna)

Il tribunale correzionale di La Côte, nel canton Vaud, ha condannato un cittadino nigeriano di 34 anni a tre anni e mezzo di carcere e a un lungo trattamento ter...
07.09.2022
Svizzera