Svizzera, 16 giugno 2020

Espulsi tre ladri che prendevano di mira gli anziani

Si appostavano fuori da una banca e aspettavano che uscissero persone particolarmente anziane da seguire e derubare. In due casi, i ladri sono entrati nell'ascensore con le loro vittime per rapinarle. Due donne di 47 e 27 anni e un quarantenne, tutti domiciliati in Romania, sono state giudicati colpevoli di tre furti nel canton Ginevra, l'ultimo dei quali risale alla fine di gennaio. I querelanti, di età compresa tra 79 e 84 all'epoca dei fatti, sono stati derubati di somme comprese tra i 4'000 e i 16'000 franchi.

"Avevo dei pagamenti da effettuare e il mio compleanno poco dopo, ecco perché avevo questi soldi", ha spiegato una delle vittime durante l'udienza. Non mi farebbe male recuperare qualcosa, sono mesi di AVS". Ai è stato ordinato di rimborsare 6'700 franchi, ma l'anziano racconta di "non farsi troppe speranze". Gli stessi imputati hanno riferito di un'esistenza precaria: salari da 200 a 300 euro nel loro paese, una famiglia a carico, l'attuale gravidanza della più giovane, la cattiva salute del quarantenne, che ha agito "per disperazione per nutrire i suoi figli e prendersi cura della madre malata", come sostenuto dal suo difensore, o dalla tossicodipendenza dell'imputato, descritta dal suo avvocato come un "povero diavolo", la cui famiglia sarebbe minacciata da "un capo banda" in Romania.

Il presidente del tribunale di polizia, Fabrice Roch, da parte sua ha sottolineato la codardia degli accusati dato il profilo delle vittime, "anziani e presi di mira come tali". La colpa degli imputati è "significativa" e "comparabile", ha detto: i tre hanno agito insieme in due rapine. Le due donne, già condannate in vari paesi, sono state condannate a 7 mesi di carcere con la deduzione dei 140 giorni trascorsi in detenzione preventiva, mentre il più anziano è stato condannato con una pena della stessa durata ma sospesa e un periodo di prova di 4 anni. Tutti saranno espulsi: le due donne per sette anni, lui per tre anni.

Guarda anche 

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera

Le avevano tolto il passaporto svizzero ma le concedono il permesso di soggiorno

Il Tribunale amministrativo federale concesso un permesso di soggiorno a una donna di origine svizzera e a sua figlia, nonostante che la madre non avesse più il pa...
15.10.2020
Svizzera