Svizzera, 16 giugno 2020

Espulsi tre ladri che prendevano di mira gli anziani

Si appostavano fuori da una banca e aspettavano che uscissero persone particolarmente anziane da seguire e derubare. In due casi, i ladri sono entrati nell'ascensore con le loro vittime per rapinarle. Due donne di 47 e 27 anni e un quarantenne, tutti domiciliati in Romania, sono state giudicati colpevoli di tre furti nel canton Ginevra, l'ultimo dei quali risale alla fine di gennaio. I querelanti, di età compresa tra 79 e 84 all'epoca dei fatti, sono stati derubati di somme comprese tra i 4'000 e i 16'000 franchi.

"Avevo dei pagamenti da effettuare e il mio compleanno poco dopo, ecco perché avevo questi soldi", ha spiegato una delle vittime durante l'udienza. Non mi farebbe male recuperare qualcosa, sono mesi di AVS". Ai è stato ordinato di rimborsare 6'700 franchi, ma l'anziano racconta di "non farsi troppe speranze". Gli stessi imputati hanno riferito di un'esistenza precaria: salari da 200 a 300 euro nel loro paese, una famiglia a carico, l'attuale gravidanza della più
giovane, la cattiva salute del quarantenne, che ha agito "per disperazione per nutrire i suoi figli e prendersi cura della madre malata", come sostenuto dal suo difensore, o dalla tossicodipendenza dell'imputato, descritta dal suo avvocato come un "povero diavolo", la cui famiglia sarebbe minacciata da "un capo banda" in Romania.

Il presidente del tribunale di polizia, Fabrice Roch, da parte sua ha sottolineato la codardia degli accusati dato il profilo delle vittime, "anziani e presi di mira come tali". La colpa degli imputati è "significativa" e "comparabile", ha detto: i tre hanno agito insieme in due rapine. Le due donne, già condannate in vari paesi, sono state condannate a 7 mesi di carcere con la deduzione dei 140 giorni trascorsi in detenzione preventiva, mentre il più anziano è stato condannato con una pena della stessa durata ma sospesa e un periodo di prova di 4 anni. Tutti saranno espulsi: le due donne per sette anni, lui per tre anni.

Guarda anche 

Tre calciatori rischiano l'espulsione dalla Svizzera per aver picchiato un arbitro

Sarà resa nota domani, giovedì, la sentenza nei confronti di tre cittadini kosovari processati questa settimana a Ginevra per rispondere della brutale aggre...
14.04.2021
Svizzera

Ha spacciato tutta la vita: ora che è in pensione non può tornare dalla moglie in Ticino

Sua moglie vive in Ticino con un permesso C. Lui, appena uscito dal carcere in Italia e fresco di pensionamento, avrebbe voluto tornare da lei. Ma sarà lei a dover...
14.04.2021
Ticino

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino

I figli non possono andare all'asilo perchè non vaccinati, "giusto così" per la CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito giovedì che la vaccinazione obbligatoria è "necessaria in una società democratica...
08.04.2021
Mondo