Ticino, 08 giugno 2020

Moncucco, si svuotano i letti in Cure intense

La Clinica Luganese Moncucco informa che in data odierna è stato trasferito dal reparto di Cure intense l’ultimo paziente ospedalizzato per COVID-19 durante l’epidemia. Il paziente, visti il lungo periodo trascorso in cure intense e la necessità di una ventilazione meccanica, presenta condizioni che possono essere ritenute positive.

È quindi rientrato oggi in reparto come paziente guarito da COVID-19, non essendo nel frattempo più positivo al virus. Tutto il personale delle cure intense saluta con un sorriso il suo ultimo paziente grave affetto da COVID-19 e, per il momento, conclude con questo sofferto successo il proprio impegno. "Vedere il paziente lasciare le cure intense dopo più di due mesi di terapie intensive – si legge in una nota –, non può che emozionare.

La felicità e il sollievo del momento non fanno dimenticare chi, purtroppo e malgrado gli ingenti sforzi intrapresi, non è riuscito a superare la malattia ma aprono comunque spiragli di fiducia per gli eventuali futuri ammalati". Dopo mesi di grandi sacrifici da parte di tutto il personale e significativi cambiamenti strutturali e organizzativi, la Clinica nelle ultime settimane è tornata alla propria missione originaria: garantire le migliori cure a tutti i pazienti del nostro Cantone che si affidano ai servizi offerti da anni, con professionalità, dalla struttura privata del Luganese. Grazie alla fiducia dei molti pazienti e dei loro medici di famiglia, è ripresa la normale attività di pronto soccorso e dei ricoveri nel campo della medicina interna, geriatria, oncologia, immunoreumatologia, chirurgica e ortopedia.

Anche tutte le attività ambulatoriali sono riprese regolarmente. All’interno della Clinica Luganese Moncucco la sicurezza del paziente resta un elemento centrale: per questo, collaboratrici e collaboratori continuano a prestare la massima attenzione al rispetto delle rigide misure d’igiene nel campo della prevenzione delle malattie infettive potenziate e adattate all’emergenza COVID, il tutto con l’intento di prevenire qualsiasi nuovo contagio mantenendo un “altissimo livello di guardia”.

Guarda anche 

Dramma di Muralto, via al processo: "Non mi sono accorto che stava male"

Si è aperto oggi il processo nei confronti del 32enne tedesco accusato di aver ucciso la 22enne inglese nella camera 501 all’Hotel La Palma Au Lac di Mura...
20.09.2021
Ticino

'Cartellino rosso' per Locarno e Semine: arbitri in "protesta" fino al 10 ottobre

Gli arbitri non ci stanno e alzano la voce. Fino al prossimo 10 ottobre, Locarno e Semine non disporranno di arbitri a disposizione per le partite. La decisione &ndash...
20.09.2021
Ticino

Legittima difesa: dalla parte delle vittime

Il prossimo 26 settembre i cittadini dovranno votare, per la seconda volta, sull’iniziativa popolare «Le vittime di un’aggressione non devono pagare i c...
19.09.2021
Ticino

Di notte, con la musica e senza rispetto: rave illegale a Villa Saroli

Il Comando della Polizia città di Lugano comunica che la notte del 17 settembre, agenti della Polizia Città di Lugano hanno dovuto intervenire poco dopo la ...
19.09.2021
Ticino