Mondo, 18 maggio 2020

Al via il processo contro gli aggressori che mandarono 5 donne all'ospedale a Ginevra

Si aprirà martedì in Francia il processo contro cinque cittadini francesi accusati di aver aggredito cinque donne a Ginevra nell'estate del 2018. La brutale aggressione aveva fatto scorrere fiumi d'inchiostro a Ginevra come nel resto della Svizzera.

Come riporta “Le Matin”, i fatti risalgono all'8 agosto 2018. Alle prime ore del mattino, cinque donne lasciano una discoteca situata nella città vecchia di Ginevra. Poco dopo vengono brutalmente aggredite da diversi individui, che si accaniscono contro di loro con pugni, calci oltre che una stampella e un bastone. Gli aggressori si dileguano poi in macchina e per alcuni giorni faranno perdere le loro tracce.

Le vittime vengono ricoverate in ospedale con lesioni al viso, denti rotti, fratture della mascella e del naso, piaghe ed ematomi. Una di loro è rimasta in coma per diversi giorni e per riabilitarla saranno necessari due interventi chirurgici al cervello.

“Le mie clienti sono ancora traumatizzate da questa aggressione selvaggia e gratuita. Il loro unico errore è aver voluto, per altruismo, salvare una donna che non conoscevano e che fu ingiustamente picchiata", ha dichiarato Robert Assaël, l'avvocato di quattro delle vittime. Il risultato avrebbe potuto essere fatale, osserva, sottolineando che le donne aggredite rimarranno segnati per tutta la vita.

Le accuse sono state riclassificate durante le indagini sulla “violenza volontaria con conseguente incapacità lavorativa di oltre otto giorni” con circostanze aggravanti per alcuni. Questi includono l'uso di un'arma, in questo caso una stampella o un bastone, e atti commessi in gruppo.

I cinque imputati hanno tra i 22 e i 25 anni e vivono tutti nella vicina Francia. Uno di loro lavora come elettricista in un'azienda di Ginevra. Non ha precedenti penali, ma in passato era stato coinvolto come minorenne in storie di estorsione e aveva tentato una rapina.

Un altro aggressore lavora anche come elettricista. Il suo casellario giudiziario è carico di dodici condanne, metà delle quali per atti di violenza. È già stato deferito alla giustizia francese per atti di violenza con l'uso o la minaccia di un'arma seguita da infermità o mutilazione permanente.

Un altro accusato, disoccupato, ha un casellario giudiziale carico di tredici condanne. Il quarto, con un diploma di cuoco, era attivo come direttore di un'azienda di pizza. È stato condannato come minorenne per violenza premeditata.

Il quinto, che è l'unico a non essere sottoposto al carcere preventivo, ha precedenti penali netti. Tuttavia, è stato recentemente condannato per violenza aggravata ma aveva presentato ricorso. Prove fisiche, riprese video e testimonianze danno come scontata l'implicazione dei cinque uomini nell'aggressione, ma gli accusati contestano i fatti.

Il processo dovrebbe durare due giorni. In Francia, il tribunale penale è competente per le pene detentive fino a dieci anni, sanzione che può essere raddoppiata in caso di recidiva. A causa della pandemia, il processo non sarà pubblico e nessun testimone verrà ascoltato.

Guarda anche 

Si incide (male) una svastica e s'inventa un'aggressione razzista, ma la polizia non ci crede e lo denuncia

Un dipendente francese di un bar di Neuchâtel aveva raccontato su Internet di essere stato vittima di un attacco a sfondo razziale mentre portava a spasso il suo pa...
20.05.2022
Svizzera

A processo per aver dato da mangiare al gatto della vicina, viene assolta

Una 59enne di Eglisau, nel canton Zurigo, è stata processata per la singolare accusa di aver dato da mangiare al gatto della vicina, nonostante quest'ultima fo...
20.05.2022
Svizzera

Frontaliere licenziato per essere andato in palestra durante il lavoro, si vendica sul collega che l'ha segnalato

Un frontaliere francese non ha apprezzato che la sua assenza fosse stata segnalata da un collega e ha deciso di risolvere la controversia e lo ha quindi aggredito finch&e...
17.05.2022
Mondo

Aveva accecato il pilota di un Super Puma con un laser, rischia l'espulsione

Nel febbraio dello scorso anno, un elicottero Super Puma delle Forze aeree svizzere si trovava in volo di addestramento sopra il lago di Walen, tra il canton San Gallo e ...
09.05.2022
Svizzera