Svizzera, 04 maggio 2020

A Ginevra in migliaia a fare la fila per un sacchetto con 20 franchi di cibo

Erano oltre 2'500 le persone che sabato si sono messe in fila davanti alla pista di pattinaggio di Vernets, a Ginevra, per un sacchetto di cibo del valore di 20 franchi. All'origine dell'azione benevola è l'associazione "Caravane pour la solidaritè", che sin dall'inizio della pandemia organizza distribuzioni di doni per i bisognosi. Ma se all'inizio erano poche decine di persone a presentarsi, la folla è cresciuta di settimana in settimana fino a diventare, lo scorso sabato, diverse migliaia .

La polizia ha persino dovuto intervenire una volta, perché la folla era talmente numerosa che non era possibile mantenere la distanza di sicurezza. Visto il "successo" dell'azione, lo scorso sabato le autorità cittadine hanno autorizzato che la distribuzione venisse effettuata all'interno della pista di pattinaggio di Vernets.

All'esterno dell'edificio, una grande coda, lunga diverse centinaia di metri, si era formata all'apertura delle porte. Per ottenere il sacchetto di cibo, si doveva aspettare circa tre ore, spiega Christophe Jakob, membro di "Caravane pour la solidaritè".

Tra queste persone pronte a un'attesa tanto lunga per così poco, sottolinea Jakob, molti clandestini che lavorano come domestici o nella ristorazione e che improvvisamente si sono ritrovati senza reddito. Ci sono anche famiglie che prima della crisi sanitaria vivevano già sul filo, con poco più di 3000 franchi al mese, e che sono cadute nella precarietà da quando tutto è rimasto al minimo. Più a lungo la crisi continua, più persone ci saranno, avverte Christophe Jakob.  

Guarda anche 

2000 franchi per un piccolo appartamento, locatrice in manette per affitti esorbitanti a migranti clandestini

Faceva pagare 2000 franchi di affitto mensile per un piccolo appartamento, il cui prezzo ufficiale non dovrebbe superare i 1130 franchi al mese. Una proprietaria di immob...
26.10.2020
Svizzera

L’FC Lugano calma le acque: “Migliorano le condizioni di Renzetti”

LUGANO – Dopo le dichiarazioni rilasciate al “Blick” dal diretto interessato, l’FC Lugano ha rilasciato un comunicato in merito alle condizioni di...
25.10.2020
Sport

Renzetti spaventa tutti: “Non riuscivo a camminare. Dovevo appoggiarmi al muro: mi hanno ricoverato”

LUGANO – Lunedì 12 ottobre l’FC Lugano ha comunicato che il presidente Angelo Renzetti era risultato positivo al coronavirus. Dopo quella notizia si &e...
25.10.2020
Sport

Lugano: una ripartenza dalla quarantena che fa sorridere

LUGANO – Ebbene sì: dopo una quarantena per Covid si può ripartire. Magari con gli stessi pregi e difetti di prima, magari con una tenuta fisica non p...
25.10.2020
Sport