Mondo, 26 aprile 2020

Multinazionale americana valuta la bassa diversità etnica fra i suoi dipendenti come rischio di sindacalizzazione

La diversità etnica fra i propri dipendenti aumenta il rischio che questi si organizzino e rivendichino migliori condizioni di lavoro dal loro datore di lavoro. Ciò che era già chiaro a molti, a livello intuitivo, è dimostrato da un documento interno della Whole Foods, una catena di negozi al dettaglio di proprietà di Amazon, documento che rivela che la società valuta le proprie filiali con un "indice di diversità" e che ha determinato che il rischio di sindacalizzazione è "maggiore" nelle filiali con "bassa diversità".

Come riporta "Business Insider", che ha potuto visionare il documento, "Whole Foods, di proprietà di Amazon, sta silenziosamente monitorando i propri dipendenti con uno strumento di mappe che classifica i negozi che sono maggiormente a rischio di sindacalizzazione".

In pratica, Whole Foods monitora le filiali a rischio di sindacalizzazione attraverso una mappa interattiva, secondo cinque persone con conoscenza della materia e documenti interni visualizzati da Business Insider.

La mappa è formata da un elaborato sistema di punteggio, che assegna una valutazione a ciascuno dei 510 filiali di Whole Foods in base alla probabilità che i loro dipendenti possano formare o aderire a un sindacato.

I punteggi di rischio individuali delle filiali sono calcolati da oltre due dozzine di valori, tra cui "lealtà, assenza" dei dipendenti e diversità razziale [...]

La valutazione del rischio del punto vendita includono la compensazione media del punto vendita, le vendite medie totali del punto vendita e un "indice di diversità" che rappresenta la diversità razziale ed etnica di ogni punto vendita. I negozi a maggior rischio di sindacalizzazione presentano una diversità
inferiore e una retribuzione dei dipendenti inferiore, nonché un aumento delle vendite totali dei negozi e tassi più elevati di richieste di aumenti salariali dei lavoratori, secondo i documenti.

Interpellata dal Business Insider, Whole Foods non ha smentito di monitorare il rischio di sindacalizzazione delle sue filiali e di farlo anche in base alla diversità razziale ma si è limitata a rispondere che ritiene che sarebbe meglio, per i suoi dipendenti, di negoziare direttamente con la direzione dell'azienda. "Whole Foods Market riconosce ai suoi dipendenti il diritto di decidere se la rappresentanza sindacale è giusta per loro. Concordiamo con la stragrande maggioranza dei membri del nostro team che una relazione diretta con Whole Foods Market e la sua leadership, in cui i membri del team hanno linee di comunicazione aperte e ogni individuo è autorizzato a condividere il feedback direttamente con i loro leader, è la migliore" è stata la risposta della catena statunitense.

Secondo esperti del mercato del lavoro americano, sempre citati dal Business Insider, negli Stati Uniti sarebbe una prassi consolidata quella di monitorare il rischio di sindacalizzazione dei dipendenti.

Si noti infine che, al contrario dell'Europa, negli Stati Uniti per sindacati ("Union") non si intende solo i grandi e consolidati sindacati come li conosciamo qui ma anche qualsiasi forma di auto-organizzazione dei lavoratori volta a promuovere i propri interessi e condizioni di lavoro. Di conseguenza, negli USA non è unusuale trovare sindacati che hanno anche solo una decina di associati e i cui iscritti sono tutti dipendenti della stessa azienda (o, come nel caso della Whole Foods, della stessa filiale della stessa azienda).

Fonte

Guarda anche 

Atterraggio d’emergenza avvolto nel mistero: co-pilota trovato morto a 48km dall’aeroporto

RALEIGH-DURHAM (USA) – Sta diventando un vero e proprio giallo l’atterraggio di emergenza di un velivolo nel North Carolina. I media americani raccontano che ...
31.07.2022
Mondo

Detenuta trans: incinta le due compagne di cella

NEW JERSEY (USA) – In un carcere femminile nel New Jersey, una 27enne detenuta transgender, Demi Minor, ha avuto rapporti sessuali con altre due compagne di cella c...
24.07.2022
Magazine

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

Madre vegana condannata per omicidio per aver fatto morire di fame il figlio

Una madre vegana della Florida, Sheila O'Leary (a sinistra nella foto), è stata giudicata colpevole mercoledì di aver ucciso il figlio di 18 mesi. I gen...
02.07.2022
Mondo