Ticino, 08 aprile 2020

"Oltre Gottardo non hanno ancora capito la gravità della nostra situazione"

Vista la posizione discosta e la minor concentrazione di persone si potrebbe essere portati a pensare che le zone periferiche siano meno interessate dalla diffusione del Coronavirus. Ma è davvero così ? Nelle valli l'esodo pasquale fa davvero così paura ? Come rilanciare economicamente le aree discoste, maggiormente colpite dal crollo del turismo rispetto al resto del Cantone ? Ne abbiamo discusso con Claudia Boschetti, sindaco del comune di Blenio.

Data la posizione più discosta e la minor concentrazione di persone, si può pensare che le valli, come la val di Blenio, siano meno interessate dalla diffusione del Coronavirus. Può dirci qualcosa in merito?

La nostra situazione è decisamente diversa dai centri, ma non siamo rimasti immuni al virus. La bassa concentrazione di abitanti e la mancanza di grossi attrattori di masse, assieme alle abitazioni sparse su un vasto territorio, hanno aiutato a contenere relativamente i casi e a dare un certo minimo agio di movimento limitato alle persone. Una condizione che rende meno dura la segregazione in casa, ma non tutela del tutto la possibilità d’ammalarsi.
 
In generale le sembra che la popolazione rispetti le direttive delle autorità, o si potrebbe fare meglio?

All’inizio le direttive sono state difficili da comprendere per tutti, proprio perché nessuno comprendeva appieno la gravità e solo con la continua e puntuale informazione dei vari enti è stato possibile renderle operative. Si sono dimostrate fondamentali le comunicazioni giornaliere cantonali. I comuni hanno poi rafforzato i concetti sul territorio dando seguito e sostenendo con vari servizi la popolazione. Dovremo essere vigili e sarà importante mantenere questa disciplina fin tanto che l’emergenza lo esige.
 
Una delle questioni più discusse in questi giorni è il possibile afflusso di turisti provenienti dal resto della Svizzera per le vacanze pasquali. Condivide questa preoccupazione? 

Anche se negli ultimi giorni si è scritto e parlato molto, mi sembra di capire che oltre Gottardo, non abbiano ancora del tutto compreso la gravità della nostra situazione e quindi immagino che saranno necessari interventi di controllo e di limitazione da parte della Polizia, a tutela della loro salute e del nostro già congestionato sistema sanitario.
 
Passiamo alla situazione economica. Le valli, rispetto al resto del Cantone, sono più dipendenti dal turismo, uno dei settori più colpiti dalla crisi attuale. È preoccupata per l'economia, già prima non proprio rosea, della val di Blenio e delle zone periferiche in generale?

Contrariamente a quello che ci si aspetterebbe, ritengo che questa crisi possa valorizzare le zone periferiche di prossimità, in quanto il concetto di turismo in genere potrebbe essere demotivato verso le lunghe e insidiose trasferte,  portandolo a rivalutare mete sicure, interessanti e di prossimità. Sarà fondamentale poter fornire i giusti servizi e valorizzare al meglio le peculiarità che un territorio così variegato come il Ticino può offrire.
 
Le misure attuate dalla Confederazione e dal Consiglio di Stato per sostenere l'economia le sembrano, in generale, sufficienti o si aspetta maggior sostegno?

Le misure attuate sono state celeri e efficaci per sostenere le necessità impellenti all’economia. I comuni, nel loro piccolo, hanno pure messo in campo altre misure di sostegno per le ditte locali. Certo sarà importante seguire la ripresa e valutare se il provvido indebitamento, inaspettato ma indispensabile, a lungo andare possa rivelarsi una “palla al piede”, pericolosa e magari fatale. Sarà così necessario che la politica si chini di nuovo sul caso.

kc


Guarda anche 

L'Italia non vuole capire e fa i... Conte senza l'oste

Diventa sempre più controversa la decisione del Governo Conte di aprire le frontiere il 3 giugno, confermata venerdì, dopo la fuga in avanti annunciata gi&a...
01.06.2020
Svizzera

Casinò Lugano: si riparte!

Lugano: Sono passati 2 mesi e mezzo da quel 12 marzo in cui l’Ordinanza del Consiglio Federale aveva disposto la chiusura di tutte le attività di intr...
29.05.2020
Ticino

Covid-19 un'emergenza che deve far riflettere

Il Covid-19 e l’importante emergenza sanitaria annessa hanno mostrato la fragilità della nostra società e della nostra economia evidenziando molti pun...
27.05.2020
Ticino

Il 40% dei ristoranti che hanno riaperto a rischio chiusura, "regole troppo severe"

Dall'11 maggio a oggi circa tre quarti dei bar e ristoranti hanno riaperto i battenti, afferma domenica in un comunicato l'associazione mantello della gastronomia...
25.05.2020
Svizzera