Svizzera, 31 marzo 2020

"Lo scenario peggiore sembra allontanarsi"

La situazione sembra stabilizzarsi sul fronte del coronavirus. Due settimane dopo l'introduzione di un contenimento parziale della popolazione che proibiva tutti gli assembramenti di più di cinque persone, Daniel Koch, nella quotidiana conferenza stampa, ha fatto osservazioni che sono più rassicuranti che allarmanti. "La crescita esponenziale in nuovi casi si è rallentata", ha dichiarato lunedì il capo della divisione malattie trasmissibili presso l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Al momento si contano 16'200 casi e 365 decessi. Un altro indicatore interessante è il fatto che sono 285 i pazienti attualmente attaccati a un respiratore artificiale (dati di lunedì 30 marzo), un numero che è solo leggermente aumentato negli ultimi giorni. "Questo è un primo segnale che le misure adottate dal Consiglio federale sono efficaci", ha commentato Koch, il quale ha anche citato un sondaggio che indica che la maggior parte degli svizzeri accetta e rispetta le nuove norme igieniche introdotte.

Per fare il punto della situazione, un giornalista del quotidiano ginevrino "Le Temps" ha interpellato Daniel Walch (nella foto), il direttore dell'ospedale GHOL (Groupement hospitalier de l'Ouest Lémanique) di Nyon, nel canton Vaud, cantone che, insieme al Ticino, è uno dei più toccati dalla pandemia in corso. “Siamo pronti. Nessuno può dire se saremo sopraffatti, ma avremo fatto tutto il possibile per evitare lo scenario peggiore", ha detto.

Anche se non è un ospedale universitario, il GHOL è una delle strutture ospedaliere più importanti del Canton Vaud. Con un budget annuale di 115 milioni per 1'000 dipendenti che accolgono circa 8'000 pazienti ogni anno, dall'apparizione del coronavirus, il GHOL ha completamente cambiato volto.

In questo stato di mobilitazione generale, tutti gli occhi sono puntati sull'evoluzione delle curve di nuovi casi in Italia e in Ticino. "Negli ultimi tempi, abbiamo visto una crescita di oltre il 20% dei casi al giorno, il che è simile a quello che è successo a sud delle Alpi con un ritardo di circa due o tre settimane", osserva Daniel Walch.

Poiché copre una base di popolazione di 100'000 persone, il GHOL prevede quindi di affrontare un'ondata di 300 casi al culmine dell'epidemia. Di questi, da 50 a 60 pazienti dovranno essere ricoverati in ospedale, compresi 15-20 in terapia intensiva.

Questa è ora la grande domanda. I lGHOL avrà abbastanza letti di terapia intensiva per loro? Solo un mese fa, sarebbe stato rapidamente sopraffatto. Ma dopo gli sforzi di riorganizzazione e il rinvio di tutte le operazioni elettive, ha più che raddoppiato la capacità di carico, aumentandola da 7 a un massimo di 16 letti, tutti dotati di un respiratore artificiale.

Nei giorni scorsi, a Nyon come altrove in Svizzera, la crescita di nuovi casi è stata moderata. Lo scorso fine settimana, il GHOL non ha registrato un nuovo paziente da mettere su un respiratore, una bella sorpresa. Ciò significa che la grande ondata non dovrebbe raggiungere la regione del Lago Lemano giovedì 2 aprile, come previsto dall'EPFZ nelle sue simulazioni, ma piuttosto una settimana dopo. "Ci aspettiamo di vivere un bruttissimo weekend di Pasqua", teme Walch.

In termini di attrezzature sanitarie, la situazione, secondo Welch, è piuttosto rassicurante. L'ospedale ha una buona capacità in termini di respiratori, una riserva di maschere di protezione e soluzioni disinfettanti per almeno due settimane. La questione cruciale, osserva Daniel Walch, riguarda il personale medico e infermieristico. "Al momento il 4% dei nostri effettivi non è disponibile, poichè in malattia o quarantena. Il rischio è che questa percentuale salga al 20%, come successo in alcuni ospedali italiani. In questo caso avremo delle difficoltà a operare a pieno regime" osserva il direttore del GHOL.

Ma nonostante le difficoltà attuali e quelle a venire per il momento "lo scenario peggiore sembra allontanarsi" al GHOL, come nel resto della Svizzera, osserva Walch. Il che fa ben sperare per le prossime, cruciali, settimane.

Guarda anche 

L’FC Lugano calma le acque: “Migliorano le condizioni di Renzetti”

LUGANO – Dopo le dichiarazioni rilasciate al “Blick” dal diretto interessato, l’FC Lugano ha rilasciato un comunicato in merito alle condizioni di...
25.10.2020
Sport

Renzetti spaventa tutti: “Non riuscivo a camminare. Dovevo appoggiarmi al muro: mi hanno ricoverato”

LUGANO – Lunedì 12 ottobre l’FC Lugano ha comunicato che il presidente Angelo Renzetti era risultato positivo al coronavirus. Dopo quella notizia si &e...
25.10.2020
Sport

Lugano: una ripartenza dalla quarantena che fa sorridere

LUGANO – Ebbene sì: dopo una quarantena per Covid si può ripartire. Magari con gli stessi pregi e difetti di prima, magari con una tenuta fisica non p...
25.10.2020
Sport

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport