Svizzera, 26 marzo 2020

Coronavirus, il punto della situazione da Berna: in Svizzera oltre 10mila contagi e 161 morti

Le autorità federali si sono trovate oggi a Berna per aggiornare la popolazione circa l'evoluzione in Svizzera del coronavirus. All'incontro con la stampa hanno partecipato i rappresentanti del Dipartimento federale degli affari esteri, del Dipartimento federale di giustizia e polizia, del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport, del Dipartimendo federale delle finanze, della SECO e dell'Ufficio federale della sanità pubblica.

 

A prendere per primo la parola è stato il capo del Dipartimento Malattie trasmissibili dell’UFSP Daniel Koch che ha spiegato la scelta di affidare a Swisscom il 'ruolo di Detective' e segnalare eventuali assembramenti. "Quello che chiediamo a Swisscom è di compiere un'analisi retrospettiva sui movimenti dei cellulari in Svizzera sulle piazze pubbliche. Non è una questione di sorveglianza: non si tracciano i movimenti di nessuno e non possiamo seguire la situazione in tempo reale".

 

La situazione in Svizzera

 

In Svizzera i casi positivi di coronavirus sono 10'714 e si contano 161 morti. Lo ha reso noto Koch aggiungendo che "nei prossimi giorni proporremo un'analisi dettagliata sull'andamento del contagio in Svizzera".

 

Esercito e Protezione Civile

 

Il vicedirettore dell'Ufficio federale della protezione della popolazione Christoph Flury ha fornito lo cifre riguardo all'impiego della Protezione Civile in questo periodo di crisi. "In campo ci sono circa 5'550 uomini, impegnati per di più in Ticino e nei Cantoni romandi. La situazione si sta facendo seria anche in Svizzera tedesca e non è da escludere un ulteriori coinvolgimento". Il brigadiere Rynald Droz ha invece spiegato di "aver mobilitato nuove truppe, viste le richieste arrivateci. Oggi è entrato in funzione il primo battaglione sanitario. Entro sabato ne sono previsti altri tre.

 

Il 34% dei ticinesi in disoccupazione parziale

 

Boris Zürcher della SECO ha fornito le cifre per quanto riguarda le richieste al lavoro ridotto. "L'11% della popolazione è al momento in regime di disoccupazione parziale. Concentrandoci solo sul Ticino, invece, parliamo del 34%.

 

Le cifre, sia svizzere che ticinesi, non sono ancora interpretabili. Lo ha detto Daniel Koch aggiungendo che "occorrerà attendere almeno una settimana prima di indicare una tendenza".

Guarda anche 

Niente code al Gottardo. Viasuisse: "Appello ticinese ascoltato"

Niente code al portale nord del San Gottardo. L’appello delle autorità ticinesi e federali di non recarsi in Ticino nel periodo di festività pasqua...
10.04.2020
Svizzera

Pagava stipendi da 20 centesimi all'ora, condannato a 6 anni di carcere e espulsione

Un imprenditore lituano di 36 anni è stato condannato giovedì a sei anni di carcere e 10 anni di espulsione dalla Svizzera dal Tribunale penale di Ginevra p...
10.04.2020
Svizzera

Berna allarga le misure per "evitare fallimenti"

Il Consiglio federale intende adottare misure a protezione delle imprese svizzere da un fallimento dovuto al coronavirus. L’8 aprile 2020 ha incaricato il Dipart...
09.04.2020
Svizzera

Restrizioni prolungate fino al 26 aprile, in seguito graduale allentamento

Le restrizioni in atto per contrastare la diffusione del coronavirus sono state prolungate di una settimana, fino al 26 aprile e in seguito saranno gradualmente tolte pri...
08.04.2020
Svizzera