Ticino, 05 marzo 2020

Il Tribunale federale annulla l’espulsione di un kosovaro residente in Ticino che picchiava la moglie

Il Tribunale federale ha annullato l’espulsione di un uomo violento decisa dal Dipartimento delle istituzioni del Canton Ticino e confermata in tutti i precedenti gradi di ricorso.

La sentenza, pubblicata martedì, riguarda un 28enne kosovaro che era giunto in Ticino nel 2013 per sposarsi con una donna di nazionalità elvetica. In seguito al matrimonio aveva ricevuto un permesso di dimora annuale, regolarmente rinnovato fino al 2017. Quell’anno però la Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni aveva deciso di non più rinnovare il permesso, visto che da parecchio tempo il cittadino kosovaro non viveva più insieme alla moglie. 

Su ricorso, sia il Consiglio di Stato sia il Tribunale cantonale amministrativo hanno confermato l’espulsione dell’uomo, ritenendo che l’unione coniugale con la cittadina svizzera fosse durata meno di tre anni e che quindi l’uomo non poteva prevalersi di nessun diritto a restare in Svizzera. Decisiva era stata la testimonianza della moglie, che in un interrogatorio di polizia aveva parlato di violenze coniugali (“mi ha preso per il collo sbattendomi contro il muro”) e aveva sostenuto che la vita in comune fosse durata solo un paio di anni.

Patrocinato dall’avvocato Pier Carlo Blotti, l’uomo si è così appellato al Tribunale federale. Dove è incredibilmente riuscito a ottenere ragione. I giudici federali hanno annullato la decisione ticinese, ritenendo che fosse arbitraria. “La motivazione della sentenza impugnata in merito alla reale durata dell'unione coniugale, che è fondata quasi esclusivamente sulle dichiarazioni della moglie del ricorrente (…) è dunque - come detto – insufficiente”, si legge nella sentenza pubblicata ieri. In pratica i giudici ticinesi non hanno approfondito a sufficienza l’aspetto dell’effettiva durata della vita in comune della coppia. Il dossier è quindi stato rispedito al Canton Ticino, che dovrà rivalutare il caso nonché versare 2'500 franchi al cittadino kosovaro per le spese giudiziarie.

Guarda anche 

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

In migliaia a Parigi per ricordare il docente ucciso da un rifugiato musulmano

Migliaia di persone si sono riunite a Parigi domenica pomeriggio per una manifestazione di solidarietà per il brutale assassinio di un insegnante per mano di un ri...
19.10.2020
Mondo

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera