Svizzera, 21 febbraio 2020

Aveva imbrattato le mura di una banca, condanna (sospesa) per un attivista pro clima

Il Tribunale di polizia ginevrino ha giudicato colpevole un 23enne attivista per aver imbrattato un edificio di Credit Suisse a Ginevra nell'ottobre 2018. Il giovane è stato condannato oggi a 10 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese e dovrà inoltre pagare le spese di pulizia per un ammontare di 2'250 franchi richiesti dalla banca.

La sentenza era piuttosto attesa dopo che un mese fa a Renens, nel canton Vaud, la giustizia vodese aveva invocato lo stato giuridico di necessità di fronte all'emergenza climatica per assolvere dodici attivisti che avevano inscenato un'azione di protesta all'interno di una sede di Credit Suisse nel 2018. Il tribunale di polizia di Ginevra non ha quindi seguito la stessa strada dei colleghi vodesi. Da notare che la sentenza odierna riguarda danneggiamenti alla proprietà, mentre i giudici di Renens si erano espressi su una violazione di domicilio.

Per il Presidente del Tribunale ginevrino, le condizioni dello stato di necessità non erano state soddisfatte. Questa nozione implica "un pericolo imminente che non può essere evitato con altri mezzi". Ma nel caso di Ginevra, "c'erano altri mezzi leciti oltre ai danni alla proprietà per far sentire la causa del clima". Se la giustizia "non mette in discussione" l'urgenza della situazione", dipingere una mano rossa su un muro non impedisce il riscaldamento globale. Le depredazioni non erano né necessarie né adattate”.

L'avvocato dell'attivista indica che "discuterà con il suo cliente l'opportunità di appellarsi a questa decisione" e quindi la vicenda potrebbe non chiudersi qui.

Guarda anche 

Aveva strangolato la sua coinquilina e abusato del suo corpo, non andrà in carcere perchè "schizofrenico"

Aveva strangolato la sua coinquilina e in seguito abusato sessualmente del suo corpo, ma non andrà in carcere perchè "affetto da disturbi schizofrenici...
04.04.2020
Svizzera

Accusato di pagare cifre irrisorie agli operai, imprenditore rischia fino a 6 anni e mezzo di carcere

Un imprenditore lituano attivo in Romandia accusato di pagare compensi irrisori ai suoi operai in condizioni di lavoro illegali (ne parlavamo qui), rischia di rimanere in...
03.04.2020
Svizzera

Pieno di debiti e condanne, espulso un italiano nato e cresciuto in Svizzera

È nato in Svizzera e ha sempre vissuto in Svizzera. Ciononostante un 47enne italiano dovrà ora crearsi una nuova vita in Italia. Lo ha confermato il Tribuna...
01.04.2020
Svizzera

Uccise la moglie e la suocera, chiesti 20 anni di carcere e l'espulsione

Il Ministero pubblico del canton Argovia ha chiesto 20 anni di carcere per un kosovaro di 57 anni accusato di aver ucciso sua moglie e sua cognata nel gennaio 2018 a Haus...
31.03.2020
Svizzera