Ticino, 29 gennaio 2020

Perquisizioni al Gruppo Cadei, quattro in manette. Ecco tutti i reati ipotizzati

In relazione alle perquisizioni effettuate nella giornata di ieri nelle filiali del Gruppo Cadei, attivo nella vendita di veicoli multimarca, il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che sono state fermate 4 persone. Si tratta di un 62enne e di una 24enne, cittadini italiani residenti nel Mendrisiotto, di un 35enne cittadino svizzero residente nel Luganese e di una 35enne della provincia di Como, la cui posizione è al vaglio degli inquirenti.  Gli accertamenti, svolti in collaborazione con la Sezione della circolazione, riguardano in particolare l’attività di commercializzazione di numerosi veicoli già immatricolati all’estero e importati in Svizzera per poi essere rivenduti.

In base a quanto finora emerso, gli indagati, con diversi gradi di responsabilità, avrebbero in particolare omesso di riportare nella necessaria documentazione la data della prima immatricolazione all’estero delle auto, facendo così figurare informazioni non corrispondenti al vero sulla licenza di circolazione e omettendo di informare correttamente il cliente al momento dell’acquisto. Un agire che ha avuto conseguenze sui tempi delle garanzie di fabbrica (non più in essere al momento dell’acquisto), sul deprezzamento dei mezzi e sui controlli di sicurezza.

I reati ipotizzati sono quelli di truffa (per mestiere, subordinatamente semplice), falsità in documenti nonché abuso delle targhe e delle licenze. Ulteriori accertamenti saranno eseguiti nel corso dei prossimi giorni, considerato che gli atti sinora esperiti hanno permesso di evidenziare numerosi casi sospetti.

L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti.  Al fine di fornire le necessarie indicazioni, la Polizia cantonale, in collaborazione con la Sezione della circolazione, ha istituito una apposita helpline. I veicoli che entrano in considerazione riportano al punto 24 della licenza di circolazione (carta grigia) una “approvazione del tipo” che inizia con: 1X… o 2X… o 3X… o 6X… (ad esempio 1XS679).

Tutti coloro che ritengono di essere stati danneggiati possono contattare (da lunedì a venerdì e fino al 7 febbraio, 07.00-20.00) il numero 0840 117 112, evitando di far capo, per questa specifica fattispecie, al 117 (riservato alle urgenze), al centralino del Ministero pubblico o al contact center della Sezione della circolazione.

Guarda anche 

In arresto due stranieri per droga

Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e le Guardie di confine comunicano che il 23.02.2020 sono stati arrestati due cittadini stranieri residenti all'estero. I ...
23.02.2020
Ticino

Misure anche in Ticino, domani ve ne saranno altre

Le autorità federali e cantonali stanno seguendo costantemente la situazione di diffusione del Coronavirus in Italia. Il canton Ticino da tempo si sta preparando a...
23.02.2020
Ticino

“Coronavirus”: quando arriverà in Ticino saremo veramente pronti?

BELLINZONA – “Seguendo l’evoluzione appena fuori dai nostri confini (in Lombardia vi sono 10 Comuni in quarantena, eventi pubblici annullati, chiusura d...
23.02.2020
Ticino

Ordinaria follia al Rabadan. Solo ieri 9 diffide

Purtroppo non per tutti il Carnevale è sempre e solo sinonimo di divertimento e allegria, come dovrebbe essere. E anche questa edizione non fa eccezione. Questa...
22.02.2020
Ticino