Svizzera, 29 gennaio 2020

Vendeva documenti falsi ai connazionali per aiutarli a ottenere il permesso di soggiorno, arrestato

Il Ministero pubblico di Ginevra sta indagando su possibili frodi commesse nell'ambito del programma "Papyrus", un programma volto a regolarizzare gli stranieri residenti illegalmente sul territorio del cantone. L'inchiesta finora ha portato all'arresto di un uomo lo scorso 13 gennaio, rivela la "Tribune de Genève".

"Un accusato è sospettato di aver prodotto e venduto diversi documenti falsi", ha detto martedì il portavoce del procuratore di Ginevra Marc Guéniat. Le indagini mirano ora a determinare l'entità della frode.

L'allerta era stata data dall'ufficio cantonale della popolazione e delle migrazioni (OCPM). Questi sono i suoi controlli "che hanno identificato situazioni di frode, che sono state denunciate all'accusa", ha osservato Laurent Paoliello, portavoce del Dipartimento per la sicurezza, l'occupazione e la salute.

Secondo la "Tribune de Genève", l'uomo arrestato è un kosovaro che avrebbe aiutato decine di compatrioti a ottenere il permesso di soggiorno producendo documenti falsi.  

Guarda anche 

2000 franchi per un piccolo appartamento, locatrice in manette per affitti esorbitanti a migranti clandestini

Faceva pagare 2000 franchi di affitto mensile per un piccolo appartamento, il cui prezzo ufficiale non dovrebbe superare i 1130 franchi al mese. Una proprietaria di immob...
26.10.2020
Svizzera

Milionari nel loro paese ma indigenti e in assistenza in Svizzera, condannati

Sono in possesso di un patrimonio milionario in immobili e conti correnti detenuti in Tunisia o intestati in Svizzera a nome dei propri figli ma nonostante questo sono a ...
07.10.2020
Svizzera

"Ancora una volta i cittadini sconfessano la casta"

Nonostante la probabile bocciatura a livello nazionale la Lega dei Ticinesi, tramite comunicato stampa, "prende atto con soddisfazione dell’esito della votazio...
27.09.2020
Ticino

La Grecia non vuole far partire i migranti da Moria, "non vanno ricompensati per aver appiccato un incendio"

Il governo greco ha fatto sapere nella giornata di venerdì che i circa 13'000 migranti che vivono nel campo di Moria sull'isola di Lesbo non verranno fatti...
12.09.2020
Mondo