Svizzera, 29 gennaio 2020

Vendeva documenti falsi ai connazionali per aiutarli a ottenere il permesso di soggiorno, arrestato

Il Ministero pubblico di Ginevra sta indagando su possibili frodi commesse nell'ambito del programma "Papyrus", un programma volto a regolarizzare gli stranieri residenti illegalmente sul territorio del cantone. L'inchiesta finora ha portato all'arresto di un uomo lo scorso 13 gennaio, rivela la "Tribune de Genève".

"Un accusato è sospettato di aver prodotto e venduto diversi documenti falsi", ha detto martedì il portavoce del procuratore di Ginevra Marc Guéniat. Le indagini mirano ora a determinare l'entità della frode.

L'allerta era stata data dall'ufficio cantonale della popolazione e delle migrazioni (OCPM). Questi sono i suoi controlli "che hanno identificato situazioni di frode, che sono state denunciate all'accusa", ha osservato Laurent Paoliello, portavoce del Dipartimento per la sicurezza, l'occupazione e la salute.

Secondo la "Tribune de Genève", l'uomo arrestato è un kosovaro che avrebbe aiutato decine di compatrioti a ottenere il permesso di soggiorno producendo documenti falsi.  

Guarda anche 

A Ginevra sono iniziati i trattamenti del Covid-19 con la clorichina

La clorochina è un farmaco, normalmente usato contro la malaria, molto discusso in questi giorni. Per molti esso rappresenta la principale speranza nella lotta con...
26.03.2020
Svizzera

Decine di famiglie rom rimpatriati in Romania da Ginevra

Senza entrate dallo scoppio della crisi legata al coronavirus e senza la possibilità di trovare un alloggio in grado di ospitare famiglie numerose, mercoledì...
26.03.2020
Svizzera

L'onda verde non si è fermata, i Verdi vincono le elezioni comunali di Ginevra

Nonostante l'ambiente non sia più un tema agli onori della cronaca come poche settimane fa, l'onda verde continua a perdurare a livello elettorale, perlome...
16.03.2020
Svizzera

Migranti: la minaccia turca

Mentre in queste settimane non si parla che quasi esclusivamente e comprensibilmente dell’emergenza generata dalla pandemia da Coronavirus, molto poco si dice di un...
15.03.2020
Mondo