Sport, 23 gennaio 2020

“A Lugano ho fatto degli errori… Il ballo e la cucina: dopo l’esonero ero carico”: Celestini parla del suo addio

L’ex tecnico dei bianconeri si è raccontato, spiegando anche il perché abbia accettato la panchina del Lucerna e come si sia ben inserito nell’ambiente ticinese

LUCERNA – La scorsa primavera era l’allenatore che per la seconda volta in tre anni aveva riportato il Lugano in Europa League, pochi mesi dopo Fabio Celestini è stato messo alla porta dal club bianconero. Una decisione sofferta quella presa da Angelo Renzetti, che aveva sempre creduto nell’ex tecnico del Losanna, ma dettata dagli scarsi risultati e dal brutto atteggiamento messo in campo dalla sua squadra.

Celestini, però, è rimasto poco tempo a spasso, tanto da legarsi al Lucerna. L’ex allenatore bianconero si è raccontato in una bella intervista rilasciata al “Blick”, nella quale ha toccato diversi punti relativi alla sua esperienza bianconera. “Dopo l’esonero sono stato prima in Spagna a visionare gli allenamenti del Valencia, poi a Panama con mia moglie e mia figlia – ha spiegato – Ho avuto il tempo di analizzare quanto fatto a Lugano e ho capito che abbiamo fatto un buon lavoro durante la stagione, sia in partita che durante gli allenamenti, ma prima dell’avvio della stagione ho commesso degli errori: bisognava prendere decisioni importanti assieme al club e non le abbiamo mai prese o chiarite”.

“Dopo l’addio al Losanna ho rischiato il burnout, perché sia quando ero lì, sia dopo, pensavo al Losanna 24h su 24, invece a Lugano sono stato molto meglio. Ho capito che dovevo ritagliarmi del tempo anche per me stesso e lo occupavo o cucinando a casa, oppure ballando: mi ero iscritto a un corso di latinoamericano e stavo molto bene. Lì non ero Celestini, l’allenatore, ma Fabio, uno degli iscritti al corso. Le persone lì volevano solo ballare, non parlare di calcio e questo mi ha aiutato molto”, ha sottolineato.

Infine Celestini ha voluto fare un paragone tra la sua nuova realtà, il Lucerna, e il passato, il Lugano, sia dentro che fuori dal campo: “Lo stile di gioco resterà lo stesso, ma cambieremo qualcosa dal momento che i giocatori non sono lì stessi: devo essere io a sapermi adattare a ciò che ho tra le mani. A Lugano non avevo giocatori per poter mettere pressione per 90’, quindi eravamo più difensivi rispetto al mio Losanna: vedrò come riusciremo ad adattarci qui a Lucerna. Inoltre qui c’è più disciplina, perché le gerarchie sono più chiare: i giocatori non mettono in discussione tutto, mentre in Ticino o in Svizzera romanda questo non avviene”.

Guarda anche 

“Neg*a di m***a!” sui social: cacciato in tronco

MONDOVÌ (Italia) – Pugno duro: non ha usato mezze misure il Monregale Calcio nei confronti del suo tesserato che si era reso protagonista di un video, divent...
10.07.2020
Sport

HCL, è addio alla Curva Nord: mollano anche i Nord Veterans!

LUGANO – Fa davvero effetto dirlo, sembra quasi impossibile pensarlo, ma al momento l’HCL si appresta ad affrontare la nuova stagione senza il suo pubblico pi...
08.07.2020
Sport

"Questa emergenza sanitaria porta con sé un’emergenza economica che ci accompagnerà nei prossimi anni."

La tassa di collegamento è stata introdotta da molti datori di lavoro in molte aziende già a partire dal 2016. Il primo di aprile di quest’anno il ...
07.07.2020
Opinioni

VIDEO – Colpito in pieno da un fulmine a 16 anni in mezzo al campo: è in coma

OREKHOVO-ZUEVO (Russia) – Sono immagini impressionanti, quasi irreali, quelle che giungono dalla Russia e mostrano un avvenimento incredibile avvenuto durante una s...
07.07.2020
Sport