Mondo, 21 gennaio 2020

Partorisce in casa, poi uccide di botte la figlia neonata: arrestata 30enne

Una donna di 30 anni, originaria della Svezia e residente a Roma, è stata arrestata con l’accusa di tentato omicidio per aver provocato la morte di suo figlia. La neonata – nata nell’abitazione della donna – è morta dopo sole poche ore dalla nascita. I medici avevano riscontrato feriti compatibili con un profondo trauma cranico.

Al loro arrivo, i soccorritori si sono confrontati con uno scenario terrificante: sangue ovunque e la piccola piena di ferite profonde. “È caduta”, ha provato a giustificarsi la madre, ma la scusa non regge. Quei segni addosso alla piccola erano chiaramente figli di percosse ricevute.

Guarda anche 

Rabbia e blocchi: il sistema migratorio greco è al collasso

Non sono servite le lunghe proteste dell’ultimo mese da parte della popolazione insulare greca a fermare le volontà del governo di Atene guidato da Kiri...
27.02.2020
Mondo

"Il coronavirus è un'influenza come un'altra"

Ha dovuto necessariamente alzare i toni. Per farsi ascoltare e per raggiungere più persone possibili. La 47enne di Vo'Euganeo (Padova) è risulta...
27.02.2020
Mondo

Coronavirus, l'OMS: "Ridimensionare l'allarme, il 95% dei casi guarisce"

Nuove rassicurazioni arrivano dagli esperti sul contagio di coronavirus, anche se in queste ultime ore sono arrivate notizie di ulteriori contagi anche alle nos...
26.02.2020
Mondo

Dal 2015 almeno 104 terroristi sono arrivati in Europa grazie all'immigrazione illegale

Sono almeno 104 i terroristi, perlopiù jihadisti dell'ISIS, che sono entrati nel continente europeo tra il 2014 e il 2018 fondendosi con la massa di migranti e...
25.02.2020
Mondo