Mondo, 21 gennaio 2020

Partorisce in casa, poi uccide di botte la figlia neonata: arrestata 30enne

Una donna di 30 anni, originaria della Svezia e residente a Roma, è stata arrestata con l’accusa di tentato omicidio per aver provocato la morte di suo figlia. La neonata – nata nell’abitazione della donna – è morta dopo sole poche ore dalla nascita. I medici avevano riscontrato feriti compatibili con un profondo trauma cranico.

Al loro arrivo, i soccorritori si sono confrontati con uno scenario terrificante: sangue ovunque e la piccola piena di ferite profonde. “È caduta”, ha provato a giustificarsi la madre, ma la scusa non regge. Quei segni addosso alla piccola erano chiaramente figli di percosse ricevute.

Guarda anche 

L'Austria riaprirà i negozi il 14 aprile

A partire dal 14 aprile l'Austria dopo Pasqua, riaprirà a tappe gli esercizi commerciali. In un primo momento riprenderà l'attività dei negoz...
06.04.2020
Mondo

Coronavirus, Johnson in ospedale per accertamenti

Boris Johnson un paio di settimane fa è risultato positivo al Coronavirus. Le sue condizioni parevano inizialmente buone, tanto che aveva promesso di continuare...
06.04.2020
Mondo

Il discorso della regina Elisabetta ai britannici, "se rimarremo uniti vinceremo"

Per la quarta volta dall'inizio del suo Regno, Elisabetta II ha parlato ai sudditi britannici sull''emergenza coronavirus che ha sconvolto anche il ...
06.04.2020
Mondo

Congo, turisti occidentali attaccati perchè considerati untori

Con la diffusione del Coronavirus in Africa e le difficoltà di applicare le stesse misure introdotte dalla maggior parte dei paesi occidentali, la situazione &egra...
06.04.2020
Mondo