Svizzera, 13 gennaio 2020

"Noi omosessuali non abbiamo bisogno di protezione speciale"

In quanto omosessuale, sono impegnato con convinzione contro l'estensione della legge contro la discriminazione razziale agli omosessuali su cui dovremo votare il prossimo 9 febbraio. Per me, è importante sottolineare chiaramente che la concessione di una protezione speciale agli omosessuali contraddice la parità di trattamento delle persone omosessuali o bisessuali. Questo è anche il parere degli altri fondatori del comitato "Sonderrecht NEIN!" (No a diritti speciali). I membri e i sostenitori del nostro comitato provengono dal Partito Liberale Radicale (PLR), dal Partito popolardemocratico (PPD), da circoli liberali e dall'Unione democratica di centro (UDC).

Questo testo mostra anche che non tutti i membri della comunità LGBTIQ (acronimo usato per designare le persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, intersessuali e queer) concordano con l'affermazione fuorviante secondo cui la legge può eliminare l'odio e la denigrazione.

Mostra anche che non tutti gli LGBTIQ hanno ceduto al terrore ideologico della sinistra. Su questo punto, ci tengo a sottolineare ciò che dovrebbe essere ovvio: le persone LGBTIQ, come gli eterosessuali, sono un campione eterogeneo della popolazione. Abbiamo posizioni e valori politici diversi: molti sono alla sinistra dello spettro politico, altri sono al centro e altri ancora a destra. Dire che l'intera "comunità LGBTIQ" sostiene questa legge sulla censura è quindi falso e semplicistico.

Non siamo deboli, non abbiamo bisogno di protezione

Sto combattendo per l'accettazione e la normalizzazione della mia sessualità. Ma per me essere accettati significa anche non richiedere diritti speciali. Una protezione speciale stigmatizzerebbe le persone LGBTIQ, rappresentandole come deboli. Non siamo deboli, tuttavia. Non abbiamo bisogno di una protezione speciale da parte dello stato.

Sono stato attaccato moltopiù spesso per la mia posizione di politico UDC che per la mia omosessualità. Gli svizzeri non sono un popolo "omofobo", la stragrande maggioranza di loro ha un atteggiamento positivo nei nostri confronti. Naturalmente, ogni discriminazione o attacco deve essere combattuto.

Ci sono abbastanza strumenti

Gli atti
di violenza e gli appelli alla violenza sono stati a lungo punibili. La nostra legge penale fornisce strumenti sufficienti per difendersi da attacchi all'onore, diffamazione, insulti o minacce.
Le uniche carenze attuali della legge sono:

Non esiste una legge che possa combattere le dichiarazioni discriminatorie espresse in termini generali.

Solo le persone interessate hanno il diritto di presentare una denuncia, non le associazioni (ad esempio le organizzazioni che difendono i diritti di LGBTIQ).

La tolleranza è un atteggiamento interiore

Con il pretesto della tolleranza, i sostenitori di questa legge sulla censura vogliono vietare alcune opinioni dal discorso democratico. La tolleranza è un atteggiamento interiore. Non può essere imposto dal diritto penale.

Pertanto, il diritto penale non può essere utilizzato come strumento di governance sociopolitica. Coloro che cercano di migliorare il mondo con l'aiuto del diritto penale finiscono per essere delusi e indebolire lo stato di diritto. Questo è estremamente pericoloso in una democrazia.

Presto saremo probabilmente chiamate a votare il matrimonio per le coppie omosessuali. Come potremo avere un vero dibattito politico su questo tema quando i nostri avversari sono imbavagliati e temono costantemente di essere accusati di discriminazione razziale da parte degli ambienti di sinistra?

L'essenza della libertà di espressione è il diritto di dire cose che non si adattano agli altri. Non significa essere influenzati dalle attuali tendenze sociali e censurare le opinioni delle minoranze.
La libertà di espressione, di parola e di contraddire sono le basi della nostra democrazia. Questa legge ci viene venduta come una "protezione contro la discriminazione", ma in realtà è una legge di censura che minaccia la libertà di opinione, la libertà di coscienza e la libertà di commercio, senza risolvere alcun problema.

Michael Frauchiger, co-presidente del comitato referendario "Sonderrecht NEIN!" / swissinfo.ch (testo tradotto, l'articolo originale in tedesco è disponibile qui)

Guarda anche 

Triste destino di Fashanu vittima dell’ostilità puritana

Justin Fashanu ha vestito per 11 volte la maglia della nazionale inglese. Per alcuni anni è stato l’idolo del Norwich City ma poi la sua carriera...
03.06.2022
Sport

«The Negro Scipio» diventerà «Scipio»: Cezanne vittima della cancel culture?

LONDRA (Gbr) – “Cezanne censurato”. Apre così il ‘Telegraph’ attaccando il Museo Nazionale Britannico d’Arte Moderna, il Tate M...
10.05.2022
Magazine

Aiuti finanziari per una stampa che censura?

In vista della votazione del 13 febbraio sul pacchetto di aiuti finanziari a sostegno dei media, anche la stampa mainstream ticinese sembra essersi accorta dell’imp...
24.01.2022
Svizzera

“Sono omosessuale. Giusto dirlo a tutti”

NAPOLI (Italia) – In famiglia lo aveva detto quando aveva appena 16 anni. Fu allora che confidò il suo primo amore per una ragazza alla madre, poi il silenzi...
07.12.2021
Sport