Svizzera, 13 gennaio 2020

Esplodono i casi di burnout in Svizzera, "pressione crescente sul mercato del lavoro"

La sempre crescente pressione nel mondo del lavoro ha conseguenze, riporta domenica il "NZZ am Sonntag", che parla di una netta crescita di casi di esaurimento sul posto di lavoro negli ultimi anni. Secondo uno studio, in Svizzera il numero di lavoratori che soffrono di malattie mentali è aumentato notevolmente.

Dal 2012 il numero di interruzioni del lavoro è aumentato del 50%. In sei casi su dieci si tratta di esaurimento o depressione, secondo le statistiche delle assicurazioni Swica e PK Rück i cui dati riguardano diverse centinaia di migliaia di dipendenti. Secondo Roger Ritler, un membro della direzione di Swica, l'economia ha da tempo sottovalutato il problema.

"Molte aziende non stanno ancora investendo abbastanza nella prevenzione e nel sostegno alle persone interessate", spiega Ritler. Ma i medici sono spesso sopraffatti quando si tratta di diagnosticare l'incapacità lavorativa. "I medici spesso mettono i loro pazienti senza lavoro troppo in fretta, troppo a lungo e al 100%", ha dichiarato Miklaus Baer, ​​capo di WorkMed, l'unità di riabilitazione della clinica psichiatrica di Basilea Campagna. A nome della Confederazione, ha studiato il reinserimento professionale dei malati di mente.

Risultato: nella maggior parte dei casi, il reinserimento lavorativo di una persona che ha sofferto di esaurimento non riesce. Due terzi dei casi portano persino alla conclusione dei rapporti di lavoro. L'incapacità di lavorare per esaurimento o depressione dura in media 18 mesi, il doppio rispetto ad altre malattie. La Confederazione stima che i costi economici del burnout superino i 10 miliardi di franchi all'anno.

Guarda anche 

"In Ticino è urgente un blocco delle assunzioni di frontalieri"

Per salvaguardare il mercato del lavoro ticinese è urgente un blocco del rilascio dei permessi per lavoratori frontalieri. Ne è convinta Sabrina Aldi, vicec...
26.08.2021
Ticino

Frontalieri che aumentano durante la pandemia, "nessun rischio per la coesione sociale?"

Dopo aver annunciato che in canton Ticino sono stati persi 10'000 posti di lavoro a causa della pandemia di coronavirus, ieri l’Ufficio federale di statistica (...
11.03.2021
Svizzera

L'agenzia di collocamento al disoccupato ticinese: "Abbiamo stretto una collaborazione con Frontaliere Sicuro"

Si sa che trovare lavoro in Ticino non è la cosa più evidente, specie di questi tempi, com'è altrettanto noto che certe realtà, aziende e ...
03.02.2021
Ticino

"Si introduca una moratoria sui permessi G"

I Cantoni di confine devono essere autorizzati a decretare una moratoria sul rilascio di nuovi permessi G. È quello che chiede una mozione inoltrata martedì...
15.12.2020
Svizzera