Svizzera, 13 gennaio 2020

Esplodono i casi di burnout in Svizzera, "pressione crescente sul mercato del lavoro"

La sempre crescente pressione nel mondo del lavoro ha conseguenze, riporta domenica il "NZZ am Sonntag", che parla di una netta crescita di casi di esaurimento sul posto di lavoro negli ultimi anni. Secondo uno studio, in Svizzera il numero di lavoratori che soffrono di malattie mentali è aumentato notevolmente.

Dal 2012 il numero di interruzioni del lavoro è aumentato del 50%. In sei casi su dieci si tratta di esaurimento o depressione, secondo le statistiche delle assicurazioni Swica e PK Rück i cui dati riguardano diverse centinaia di migliaia di dipendenti. Secondo Roger Ritler, un membro della direzione di Swica, l'economia ha da tempo sottovalutato il problema.

"Molte aziende non stanno ancora investendo abbastanza nella prevenzione e nel sostegno alle persone interessate", spiega Ritler. Ma i medici sono spesso sopraffatti quando si tratta di diagnosticare l'incapacità lavorativa. "I medici spesso mettono i loro pazienti senza lavoro troppo in fretta, troppo a lungo e al 100%", ha dichiarato Miklaus Baer, ​​capo di WorkMed, l'unità di riabilitazione della clinica psichiatrica di Basilea Campagna. A nome della Confederazione, ha studiato il reinserimento professionale dei malati di mente.

Risultato: nella maggior parte dei casi, il reinserimento lavorativo di una persona che ha sofferto di esaurimento non riesce. Due terzi dei casi portano persino alla conclusione dei rapporti di lavoro. L'incapacità di lavorare per esaurimento o depressione dura in media 18 mesi, il doppio rispetto ad altre malattie. La Confederazione stima che i costi economici del burnout superino i 10 miliardi di franchi all'anno.

Guarda anche 

"Lasciata a casa dopo nemmeno un anno e mezzo, essere svizzera mi ha solo penalizzata"

Pubblichiamo di seguito la testimonianza di una ragazza recentemente licenziata che vuole condividere la sua delusione per essere lasciata a casa e la sua impressione di ...
21.09.2020
Ticino

Mercato del lavoro a ramengo

Ma noo! Ma chi l’avrebbe mai detto! Improvvisamente, dai dati pubblicati nei giorni scorsi dall’Ufficio federale di statistica, si scopre che l’occupazi...
24.08.2020
Svizzera

“Il frontalierato influenza i salari nelle zone di confine”

In Ticino si guadagna molto meno rispetto al resto della Svizzera. Nessun’altra regione della Confederazione si avvicina al livello salariale del nostro Cantone. Al...
30.04.2020
Svizzera

Multinazionale americana valuta la bassa diversità etnica fra i suoi dipendenti come rischio di sindacalizzazione

La diversità etnica fra i propri dipendenti aumenta il rischio che questi si organizzino e rivendichino migliori condizioni di lavoro dal loro datore di lavoro. Ci...
26.04.2020
Mondo