Svizzera, 13 gennaio 2020

Esplodono i casi di burnout in Svizzera, "pressione crescente sul mercato del lavoro"

La sempre crescente pressione nel mondo del lavoro ha conseguenze, riporta domenica il "NZZ am Sonntag", che parla di una netta crescita di casi di esaurimento sul posto di lavoro negli ultimi anni. Secondo uno studio, in Svizzera il numero di lavoratori che soffrono di malattie mentali è aumentato notevolmente.

Dal 2012 il numero di interruzioni del lavoro è aumentato del 50%. In sei casi su dieci si tratta di esaurimento o depressione, secondo le statistiche delle assicurazioni Swica e PK Rück i cui dati riguardano diverse centinaia di migliaia di dipendenti. Secondo Roger Ritler, un membro della direzione di Swica, l'economia ha da tempo sottovalutato il problema.

"Molte aziende non stanno ancora investendo abbastanza nella prevenzione e nel sostegno alle persone interessate", spiega Ritler. Ma i medici sono spesso sopraffatti quando si tratta di diagnosticare l'incapacità lavorativa. "I medici spesso mettono i loro pazienti senza lavoro troppo in fretta, troppo a lungo e al 100%", ha dichiarato Miklaus Baer, ​​capo di WorkMed, l'unità di riabilitazione della clinica psichiatrica di Basilea Campagna. A nome della Confederazione, ha studiato il reinserimento professionale dei malati di mente.

Risultato: nella maggior parte dei casi, il reinserimento lavorativo di una persona che ha sofferto di esaurimento non riesce. Due terzi dei casi portano persino alla conclusione dei rapporti di lavoro. L'incapacità di lavorare per esaurimento o depressione dura in media 18 mesi, il doppio rispetto ad altre malattie. La Confederazione stima che i costi economici del burnout superino i 10 miliardi di franchi all'anno.

Guarda anche 

Sempre più disoccupati di lunga durata hanno un diploma universitario

Tra il 2010 e il 2018, il numero di disoccupati di lunga durata è aumentato del 22%, passando da 65'000 a circa 80'000. Ciò include le persone che s...
09.03.2020
Svizzera

Misure in favore dei lavoratori anziani “per tagliare l'erba sotto l'iniziativa contro la libera circolazione” (parola di Teletext)

Il Consiglio nazionale ha approvato mercoledì una misura a favore dei lavoratori più anziani. In pratica, chi ha 60 anni o più e non ha più di...
05.03.2020
Svizzera

"L’invasione prosegue! Ringraziamo la partitocrazia PLR-PPD-PSS / Verdi. Solo la fine della libera circolazione può ridare un futuro al Ticino"

Un'aumento “debordante” senza peraltro sorprendere. Ha commentato così, con un comunicato trasmesso ai media, la Lega dei Ticinesi la pubblicazione...
20.02.2020
Ticino

L'IRE ed il negazionismo occupazionale

La votazione popolare sull’iniziativa di limitazione, che chiede la disdetta della libera circolazione delle persone, si avvicina. E quindi l’establishment tu...
19.02.2020
Opinioni