Opinioni, 12 gennaio 2020

PLR ancora (e come sempre) contro il Ticino

Come da copione, l’assemblea dei delegati del PLR svizzero tenutasi sabato nel Canton Svitto, ha pronunciato il proprio No bulgaro all’iniziativa “Per un’immigrazione moderata” – quella che porterebbe alla disdetta della libera circolazione delle persone - paventando i soliti, triti scenari catastrofici in caso di approvazione popolare.

Sicché, dopo aver rottamato la preferenza indigena votata dal popolo, il fu partitone insiste nel difendere lindifendibile libera circolazione senza limiti (dichiarazione dell'allora presidente Fulvio Pelli: i nostri giovani potranno andare a lavorare a Milano). In più il PLR vuole pure lo sconcio accordo quadro istituzionale, definito proprio dalla presidenta nazionale Petra Gössi laccordo della ragione, da firmare subito. Al PLR sta dunque benissimo che il Ticino venga quotidianamente
INVASO da 70mila frontalieri che soppiantano i ticinesi sul mercato del lavoro.

Da manuale la sparata, in assemblea, del Consigliere nazionale vallesano Philippe Nantermond secondo cui il Ticino - udite udite - avrebbe beneficiato (?) della prosperità (?) esistente in Svizzera grazie (?) ai bilaterali. Certo, come no! Quali sarebbero questi benefici, soldatino Nantermond? Gli stipendi più bassi della Svizzera? Il dumping salariale? L'esplosione di casi dassistenza? Il raddoppio del numero dei sottoccupati in pochi anni? Il record di fallimenti? Ecco dunque l'ennesima dimostrazione che al PLR dei problemi del Ticino e dei ticinesi importa meno di zero. I liblab pensano solo alle rigonfie saccocce degli imprenditori amici che si ingrassano assumendo stranieri a basso costo a scapito dei lavoratori svizzeri. PF tenere a mente!

Lorenzo Quadri  

Guarda anche 

Cassa malati e riserve eccessive: cittadini ancora perdenti

Nuova “perla” dei rappresentanti alle Camere federali. Questa volta sul tema delle riserve in eccesso degli assicuratori malattia. Tali riserve ammontano attu...
18.04.2021
Opinioni

"I test 'fai da te' dei frontalieri non siano a carico della Svizzera"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri ha inoltrato oggi una mozione al Consiglio federale in cui chiede che i costi dei test “fai da te” dei frontalieri att...
14.04.2021
Svizzera

Il costo dei tamponi dei frontalieri? Deduciamolo dai ristorni

Dal 7 aprile è possibile ritirare in farmacia i test “fai da te” per rilevare il coronavirus. Già prima di Natale la Lega dei Ticinesi ha solle...
13.04.2021
Opinioni

La promozione dell’occupazione a Lugano

Secondo gli ultimi dati dell’Ufficio federale di statistica, in Ticino nel 2020 il numero di fallimenti sarebbe diminuito del 18.2% rispetto al 2019. Il calo &eg...
08.04.2021
Opinioni