Svizzera, 10 gennaio 2020

Manor, ottanta dipendenti rischiano il posto

Manor oggi ha comunicato i piani per il suo futuro dove desidera diventare il principale grande magazzino omnicanale in Svizzera.

La strategia aziendale prevede l’accelerazione della trasformazione digitale. adeguamenti alla rete di filiali e viene introdotta una  struttura organizzativa per la vendita al dettaglio più efficiente.

Ma non è tutto oro quel che luccica.

Il grande magazzino di Bachenbülach viene chiuso, in quanto l’affluenza di visitatori nell’area industriale di Bülach è insufficiente per gestire la sede in modo redditizio a lungo termine. Inoltre, quest’anno Manor deve compensare una perdita finanziaria importante dovuta alla chiusura involontaria del flagship store sulla Bahnhofstrasse di Zurigo. La chiusura a Bachenbülach è prevista per la fine di aprile 2020. La decisione riguarda 27 collaboratori di Manor. Manor farà tutto ciò che è in suo potere per garantire che i collaboratori interessati abbiano la possibilità di continuare a lavorare all’interno del gruppo Manor o sul mercato del lavoro regionale. Un piano sociale è in fase di elaborazione.

Inoltre due anni fa, Manor ha iniziato a raggruppare i singoli grandi magazzini. Entro la fine di gennaio, i nostri 60 grandi magazzini verranno raggruppati in 28 unità di vendita, ognuna delle quali sarà gestita da uno store director. Questo concetto ha dato prova di buoni risultati nella pratica e viene ora applicato in modo generalizzato. Di conseguenza, la struttura dirigenziale nell’area dei grandi magazzini viene semplificata e orientata alle future esigenze di un grande magazzino omnichannel. Una dozzina di direttori di grandi magazzini e circa 40 altri collaboratori sono interessati dalla decisione. Le funzioni incentrate sul cliente rimangono invariate, affinché l’azienda possa continuare a offrire ai propri clienti un’esperienza d’acquisto speciale con una consulenza di prima classe.
Dunque, a rischiare sono un’ottantina di persone.

Guarda anche 

Svizzera

Panne di Swisscom, "ci saranno conseguenze"

Il ceo di Swisscom Urs Schaeppi (nella foto) non esclude conseguenze per se stesso dopo la panne della rete avvenuta nella notte tra martedì e mercoledì, la...
17.02.2020
Svizzera

Una spia russa arrestata e condannata in Svizzera

La Svizzera ha arrestato un agente russo attivo sul suo territorio e in gennaio lo ha condannato per spionaggio. Vicenda sconosciuta fino ad ora, il caso rimane misterios...
17.02.2020
Svizzera

Vicenda Crypto, diversi politici sapevano delle attività di spionaggio

La vicenda riguardante la società Crypto e i documenti d'archivio segreti rivelati continuano a scuotere il mondo politico svizzero. La stampa domenicale ripor...
16.02.2020
Svizzera